Chi ha avuto presto le prime mestruazioni corre maggiori rischi di diabete gestazionale

Se l’età del menarca è precoce aumenta il rischio di sviluppare il diabete gestazionale rispetto alle donne in cui il menarca si è presentato dai 13 anni. Lo sostiene uno studio australiano pubblicato su “American Journal of Epidemiology”.

Chi ha avuto presto le prime mestruazioni corre maggiori rischi di diabete gestazionale

Uno studio pubblicato sull’American Journal of Epidemiology, conferma che l’età del menarca, cioè della prima mestruazione, potrebbe rappresentare un rischio più elevato di sviluppare il diabete gestazionale. Lo studio è stato condotto da Danielle Schoenaker della School of Public Health, University of Queensland di Herston, in Australia.
I ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 4.700 donne e hanno trovato che quelle che avevano avuto la prima mestruazione a un’età uguale o inferiore agli 11 anni avevano il 50% in più di probabilità di sviluppare il diabete gestazionale rispetto a quelle in cui il menarca si era presentato dai 13 anni. Questa associazione tra età del menarca e rischio di diabete gestazionale è rimasta anche dopo che i ricercatori hanno considerato altri fattori quali l’Indice di Massa Corporea e lo stile di vita, analizzandoli fin dall’infanzia. Dopo questi risultati, i medici potranno chiedere anche informazioni sul menarca per capire se una donna è a rischio di sviluppare il diabete gestazionale.
Danielle Schoenaker conferma che la pubertà precoce nelle ragazze si è dimostrata un indicatore significativo per parecchi esiti negativi per la salute ai quali, dopo questo studio, si aggiunge anche il diabete gestazionale. «La ricerca in questo ambito è di particolare importanza per la salute pubblica», precisa l’autrice, «a causa delle tendenze globali che dicono che le ragazze iniziano i loro cicli mestruali in età sempre più giovane. Una grande percentuale di chi sviluppa il diabete durante la gravidanza è costituita da donne in sovrappeso od obese, pertanto incoraggiando quelle con un inizio precoce della pubertà a controllare il peso prima della gravidanza è possibile aiutarle a ridurre il rischio di diabete gestazionale».
«Senza dubbio un peso adeguato è importante, ma è anche ipotizzabile che un rischio più elevato di diabete gestazionale si possa collegare ai cambiamenti ormonali, e saranno necessari ulteriori studi per chiarire i meccanismi alla base di queste variazioni», conclude l’autrice.


Fonte: D Schoenaker et al. Am J Epidemiol. April 1, 2017; 185(7):554-561.

Lascia la tua email per ricevere un messaggio alla pubblicazione di nuovi articoli.

INFORMATIVA EX ARTICOLO 13 D. LGS. 196/2003

"CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI"


Gentile Utente,

desideriamo informarLa che il D. lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") garantisce che il trattamento dei dati personali si svolga nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell'interessato, con particolare riferimento al diritto alla riservatezza, all'identità personale e alla protezione dei dati.

In osservanza di tali prescrizioni, il trattamento dei Suoi dati sarà improntato ai principi di correttezza, liceità, trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. n.196/2003, pertanto, La informiamo di quanto segue.

  1. DATI OGGETTO DI TRATTAMENTO
    Saranno oggetto di trattamento ai sensi della presente informativa i Suoi dati personali di tipo comune quali, ad esempio, nome, cognome, dati di contatto (indirizzo, e-mail, telefono). Per il raggiungimento delle finalità di cui al successivo punto 2 non è necessario che Lei ci fornisca i Suoi dati sensibili. Qualora ciò dovesse verificarsi (con particolare riferimento a dati idonei a rivelare il Suo stato di salute), tali dati verranno immediatamente cancellati o, se necessari per dare riscontro ad una Sua richiesta, saranno trattati esclusivamente al fine di rispondere a Suoi quesiti e/o richieste di servizi.

  2. FINALITÀ DEL TRATTAMENTO
    Il trattamento è esclusivamente finalizzato all’invio del materiale e all’erogazione dei servizi da Lei richiesti.
    Qualora lo desiderasse, provvederemo a contattarla per fornirLe informazioni sugli stati di avanzamento della ricerca sul diabete e potrà ricevere le nostre newsletter, materiale divulgativo con aggiornamenti e informazioni sulle offerte riguardanti prodotti Roche, nonché potrà partecipare a eventuali indagini di mercato promosse dalla nostra Azienda.

  3. NATURA DEL CONFERIMENTO DEL DATO
    Il conferimento dei Suoi dati è facoltativo, tuttavia senza il consenso al trattamento dei Suoi dati saremo impossibilitati ad erogare i servizi da Lei richiesti.

  4. MODALITÀ DEL TRATTAMENTO
    I Suoi dati saranno trattati con idonei strumenti manuali, informatici e telematici e con adeguate misure di sicurezza, secondo logiche strettamente correlate alle finalità indicate al precedente punto 2.
    Roche si avvale di tecnologie e misure di sicurezza, regole e altre procedure per proteggere i dati personali degli utenti da un accesso non autorizzato, dall'uso improprio, dalla diffusione, dalla perdita o dalla distruzione in conformità a quanto previsto dal D. Lgs n. 196/2003. L'accesso ai dati eventualmente raccolti verrà consentito solo a soggetti nominati Incaricati del trattamento che hanno un'effettiva necessità di utilizzare tali dati.

  5. DIRITTI DELL’INTERESSATO
    In ogni momento potrà esercitare i Suoi diritti nei confronti del Titolare o del Responsabile del trattamento ai sensi dell'art. 7, D. Lgs. 196/2003, di cui riportiamo di seguito il testo integrale:
    “L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
    L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali;  b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante disegnato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
    L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
    L'interessato ha diritto di opporsi in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.”

  6. TRASFERIMENTO ALL’ESTERO E COMUNICAZIONE DEI DATI PERSONALI
    Roche fa parte di un Gruppo multinazionale, pertanto potrebbe darsi che i dati personali vengano trasferiti in altri Stati, anche al di fuori dell'Unione Europea, a società controllanti o collegate, nonché a società esterne di servizi, anche soltanto per motivi di carattere tecnico-informatico. In questi casi procederemo al loro trasferimento solo in presenza di una delle condizioni di legittimità di cui agli artt. 43 e 44 del D. Lgs n. 196/2003 oppure, in loro mancanza, in caso di prestazione di consenso dell'Interessato.
    Inoltre, per l'erogazione dei servizi connessi alle finalità indicate al precedente punto 2, Roche potrà comunicare i dati a società fornitrici di servizi.
    I dati personali potranno, inoltre, essere comunicati a soggetti terzi, nei seguenti casi:
    1. vendita, cessione o altro tipo di trasferimento dell' attività del sito cui sono collegati i dati;
    2. quando sia previsto da leggi, regolamenti governativi, o provvedimenti giudiziari o, per rispondere a un'apposita richiesta di un'Autorità pubblica;
    3. quando siano necessari per audit aziendali, per esaminare o rispondere a un reclamo o a una minaccia per la sicurezza.
  7. TITOLARE E RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO
    Titolare del trattamento dei dati raccolti è Roche Diabetes Care Italy S.p.A., con sede legale ed uffici amministrativi in Monza, V. le G.B. Stucchi 110, in persona dell’Amministrtore Delegato.  Il Titolare ha provveduto a nominare per ciascuna Direzione Aziendale un responsabile interno del trattamento: un elenco aggiornato dei responsabili del trattamento è consultabile sul sito www.roche.it.
    Potrà rivolgersi, qualora ne ravvisi la necessità e per qualsiasi ulteriore informazione, nonché per esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D. Lgs. 196/2003, al Titolare o al Responsabile mediante lettera raccomandata, fax 039-2817289 ovvero e-mail al seguente indirizzo: monza.privacy@roche.com

News – Eventi