Estate è anche tempo di aperitivi. Apericena, aperitivo rinforzato, aperitivino, spritzino, camparino. Ce ne è per tutti i gusti. Ed è un momento di svago e di compagnia.

Ma come conteggiare per bene gli zuccheri presenti in alcuni cocktail e la miriade di stuzzichini?

È mistero fitto, ancora!

Se avete dritte, comunicatele. A meno che uno non decida di stare con la calcolatrice in mano a pesare noccioline e patatine (è passare per un maniaco compulsivo ossessivo), l’aperitivo è il momento più oscuro della giornata, “glicemicamente” parlando.

Anche perché, se ci impegnassimo troppo nei calcoli, finirebbe lo svago. Ma qualcuno ci viene in aiuto, in questi casi: il microinfusore e il sensore, ovviamente!

Un po’ di intuito e sesto senso e un po’ di conoscenza di base di alcuni alimenti, possono fare la differenza e attutire l’effetto aperitivo.

Io ho il microinfusore da quando ho l’età per bere alcolici, quando usavo le penne l’aperitivo non era ancora qualcosa che mi riguardava.

Chi ha le penne di insulina, invece, come si organizza? Avete voglia di parlarne?

Qualcuno ha trovato un modo infallibile per salvare le glicemie?

Fateci sapere!

Scrivetemi la vostra storia.

Io vi racconterò la mia!

Dizionario del diabete

Lo strumento che ti guida ad individuare e conoscere i termini della patologia, per migliorare la gestione del diabete.

Scopri di più

Associazioni italiane

Associazioni nazionali, regionali e non territoriali di persone con il diabete. Scopri le realtà più vicine a te!

Scopri di più

Articoli correlati