Termine non presente nel dizionario, vedi sotto un elenco di termini che potrebbero essere correlati.

"farmaco"

Analogo

Farmaco realizzato usualmente con l’impiego di biotecnologie (ingegneria genetica) che mima l’effetto di una determinata molecola modificandone però alcune caratteristiche. Ad esempio gli analoghi ultralenti dell’insulina sono stati progettati per rallentarne e prolungarne l’effetto, l’analogo del GLP-1 dura più a lungo perché resiste alla distruzione operata dall’enzima DPP-4.

condividi

Anoressizzante

Sostanze (farmaci o altro) in grado di ridurre l'appetito; tra i farmaci utilizzati per il trattamento del diabete, hanno un modesto effetto anoressante la metformina, i DPP-4 inibitori e gli analoghi del Glp-1.

condividi

Antinfiammatori

Molecole in grado di intervenire sui meccanismi della risposta infiammatoria riducendone gli effetti. Molte le classi di farmaci dotate di azione antinfiammatoria; le più comunemente utilizzate sono i Fans (farmaci anti-infiammatori non steroidei) e i cortisonici.

condividi

Betabloccanti

Classe di farmaci che blocca i recettori beta-adrenergici presenti nel cuore, sui vasi periferici, nei bronchi, nel pancreas e nel fegato. Vengono utilizzati come antipertensivi, antiaritmici e antianginosi.

condividi

Biguanidi

Famiglia di molecole usate come antidiabetici orali nel diabete di tipo 2, che migliorano la sensibilità dell’organismo all’insulina e regolano il rilascio di glucosio da parte del fegato. L’unica biguanide disponibile è la metformina.

condividi

Biodisponibilità

Proprietà farmacocinetica di un farmaco che definisce la percentuale di farmaco (rispetto alla dose somministrata) che raggiunge il circolo sanguigno e la velocità con la quale il farmaco arriva in circolo.

condividi

Diuretici

Classe di farmaci che favorisce l'eliminazione di acqua e sodio attraverso le urine. Riducono la pressione arteriosa e liberano l'organismo dei liquidi in eccesso che, ad esempio nello scompenso cardiaco possono accumularsi a livello di organi e tessuti (edemi declivi, congestione epatica o polmonare).

condividi

Effetti Indesiderati

Effetti di un farmaco, o in generale di un atto di cura, diversi da quelli desiderati. Possono essere considerati come sinonimo di reazione avversa che è definita come una reazione nociva ed indesiderata che si manifesta alle dosi normalmente utilizzate a scopo di profilassi, diagnosi o terapia. Possono essere transitori o durevoli, di gravità molto variabile, dose-dipendenti o dose-indipendenti. Questi ultimi vanno anche sotto il nome di effetti idiosincrasici e di reazioni allergiche.

condividi

Fallimento Secondario

Avviene quando un farmaco perde progressivamente la sua capacità di tenere sotto controllo una determinata condizione. Nella terapia del diabete di tipo 2 è normale che col tempo un farmaco debba essere associato a un altro farmaco o sostituito.

condividi

Fans

Sigla di farmaci antinfiammatori non steroidei; rientrano in questa famiglia molti anti-dolorifici di uso comune, quali diclofenac, ibuprofene, aspirina.

condividi