facebook


 	    

 	 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    







	
	

Roche si fa in 4

roche_4.png



Monza/Roma, 6 aprile 2020

Prosegue l’impegno di Roche in Italia per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

La telemedicina tra i molteplici benefici consente di portare direttamente presso la casa del paziente il servizio del medico, senza che questo si allontani dal suo studio o dal centro, e senza che il paziente stesso sia costretto a muoversi. La cura delle malattie croniche può rappresentare un ambito prioritario per la applicazione di modelli di telemedicina in particolar modo in questo momento di grave emergenza sanitaria a causa dell’epidemia COVID-19.

 

Per questo motivo, in prima battuta Roche Diabetes Care ha deciso di mettere a disposizione gratuitamente il servizio di telemedicina integrata che consente la comunicazione della cartella clinica Smart Digital Clinic e l’app mySugr.

 

Altresì, con la presente desideriamo informarvi che abbiamo deciso di supportare ulteriormente i Centri di Diabetologia e le persone con diabete su tutto il territorio nazionale, mettendo a disposizione anche la versione PRO dell’app mySugr gratuitamente a tutti i pazienti, indipendentemente dal dispositivo per la misurazione della glicemia che hanno attualmente in uso.

 

La versione PRO dell’app consente al paziente, tra le altre funzionalità, di poter generare un report in pdf dei dati glicemici e di inoltrarlo al proprio medico.

Nel caso in cui il paziente non disponga di un misuratore della glicemia Accu-Chek è possibile attivare la versione mySugr Pro gratuitamente per 6 mesi seguendo le indicazioni sotto riportate.

 

Tutti i centri di diabetologia interessati ad attivare questa possibilità per i propri pazienti, oppure i pazienti direttamente, possono contattare il numero verde 800 822 189 o seguire le indicazioni di seguito riportate.

Per tutte le persone con diabete interessate a conoscere meglio le funzionalità dell'app mySugr, Roche Diabetes Care mette a disposizione dei webinar settimanali. È possibile chiedere maggiori informazioni al Numero Verde sopra riportato.

 

Auspichiamo che questo ulteriore impegno possa favorire il sostegno dei pazienti, o dei caregiver di persone con diabete, limitando la mobilità sul territorio, ma non a discapito della qualità della cura.

 

Noi ci siamo, e insieme ce la faremo.

mySugrcovid.png

 

Come attivare la versione PRO dell’app mySugr

Scaricare l'app mySugr da App Store o Google Play

Per sbloccare la versione mySugr Pro gratuitamente e accedere alla funzione di report PDF avanzata, resa disponibile per il periodo di emergenza in atto:

  1. Se non si dispone di un misuratore Accu-Chek è necessario andare sul sito:

    Attiva MySugr PRO

    Inserire il codice voucher: 2020-2020-2020

    Si tratta di un codice univoco che può essere riscattato una sola volta per utente, il codice abiliterà la versione Pro per 185 giorni, e potrà essere riscattato solo fino al 30 settembre 2020.

  2. Se si dispone di un misuratore Accu-Chek questa operazione non è necessaria in quanto già hanno accesso illimitato alla versione mySugr Pro.
  3. Per sapere come funziona mySugr PRO segui i Webinar:


Roche si fa in 4

Monza/Roma, 1 aprile 2020

Al via il primo progetto di volontariato di competenza per fronteggiare l’emergenza COVID-19

Siglato l’accordo di partenariato tra Ministero della Salute e Roche Italia 250 dipendenti Roche scendono in campo come volontari del numero verde 1500.

Un’ondata di domande e richieste di informazioni è quella che ogni giorno investe gli operatori del numero verde di pubblica utilità 1500 istituito dal Ministro Roberto Speranza sin dalle prime fasi dell’emergenza sanitaria.

Oltre 400.000 le telefonate gestite fino ad ora dagli operatori di primo e di secondo livello grazie a un servizio attivo 24 ore, 7 giorni su 7, con una media di 23.000 chiamate quotidiane.

Continuare a fornire questo servizio fondamentale alla cittadinanza e gestire l’aumento esponenziale del numero di richieste, richiede un investimento sempre crescente in termini di personale dedicato.

È anche nell’offrire il proprio capitale umano e professionale che le aziende private possono affiancare le istituzioni: è quello che ha fatto Roche Italia mettendo a disposizione del Ministero della Salute una parte del proprio personale altamente specializzato per affiancare gli operatori di primo livello del numero 1500.

Da questa offerta, nasce il protocollo di intesa siglato dal Ministero della Salute e da Roche Italia che danno avvio al primo progetto di volontariato di competenza in tempi di COVID-19.

Alla campagna lanciata da Roche Italia hanno risposto 250 persone, il 25% di tutto il personale dell’affiliata italiana del Gruppo nelle sue tre divisioni (Roche Pharma, Roche Diagnostics, Roche Diabetes Care). I professionisti di Roche Italia affiancheranno gli operatori di primo livello del numero 1500 a partire dal 1° di aprile, aumentando sensibilmente la capacità di risposta del centralino.

Il numero verde 1500 prevede diversi livelli di assistenza e supporto al cittadino.

Il primo livello di assistenza fornisce aiuto nella comprensione delle indicazioni contenute nei diversi decreti emanati dal Governo in tema di contenimento dell’infezione, oltre a informazioni generali sulle precauzioni igieniche e norme di comportamento utili per il contenimento della trasmissione del virus.

Il secondo livello di supporto, fornito da dirigenti sanitari e mediatori culturali in lingua straniera che rispondono dalla Sala Operativa del Ministero, supporta i cittadini che necessitino di supporto o indicazioni più specifiche, come quelle richieste in presenza di manifestazione di sintomatologia potenzialmente riferibile a infezione da COVID-19

250 persone di Roche Italia hanno aderito al progetto su base volontaria presentando la propria candidatura e disponibilità in sole 24 ore, termometro del senso di appartenenza e della cultura di responsabilità sociale distintiva del gruppo Roche. In pochi giorni, anche con la collaborazione dei nostri Team di Information Technology globali, abbiamo progettato una piattaforma tecnologica che consentirà ai nostri volontari di operare da casa. - commenta Amelia Parente, responsabile HR & Communications di Roche Pharma in rappresentanza di tutte e 3 le Divisioni di Roche Italia – Siamo felici che si concretizzi una forma di collaborazione pubblico-privato così innovativa a servizio del Paese in un momento di difficoltà senza precedenti nella sua storia.  Lo abbiamo pensato e proposto alle Istituzioni partendo dal presupposto che una situazione eccezionale richieda sforzi ideativi e collaborativi eccezionali. Ringraziamo dunque il Ministero della Salute per la fiducia e l’opportunità”

L’attività di ‘volontariato di competenza’ dei propri dipendenti fa parte dell’operazione “Roche si fa in 4”, il programma varato da Roche Italia che prevede 4 iniziative per supportare Istituzioni, Operatori Sanitari e Cittadini nel fronteggiare e superare l’emergenza Coronavirus.


Roche si fa in 4

Monza/Roma, 16 marzo 2020

Farmaci e dispositivi medici, risorse economiche e umane per combattere il Coronavirus

Roche Italia sta compiendo uno sforzo importante a sostegno dei pazienti e della società, vista l'attuale crisi sanitaria che sta attraversando il Paese. Per questo Roche Italia mette a disposizione le sue forze a sostegno del personale sanitario e delle Istituzioni per fronteggiare l’emergenza Coronavirus, e lo fa attraverso alcune azioni mirate.

  • Il gruppo si impegna a fornire gratuitamente e per il periodo dell'emergenza il farmaco per l'artrite reumatoide, già usato in via sperimentale in Cina - si precisa che il farmaco per il trattamento delle complicanze da COVID-19 è solo in fase sperimentale, e ad esclusivo uso ospedaliero, non è acquistabile in farmacia né presso altri rivenditori - e il servizio di telemedicina per i pazienti con diabete.
  • In collaborazione con Cittadinanzattiva e FIMMG, il gruppo Roche si impegna a erogare 1 milione di euro per l'acquisto dei dispositivi di sicurezza individuale, mascherine e occhiali protettivi, per i medici di medicina generale che in questo momento ne sono sprovvisti e per supportare l'acquisto di caschi per la ventilazione dei pazienti ricoverati in terapia intensiva.
  • Roche vanta un personale altamente specializzato, ci siamo pertanto resi disponibili a collaborare con la protezione civile e con il sistema sanitario attraverso un'operazione di "volontariato di competenza", per offrire supporto e consulenza telefonica.
  • Lancio della campagna “Stai a casa, leggi un libro” rivolta ai giovani under 25 di Milano e Monza, in collaborazione con gli Assessorati alla Cultura di Milano e Monza Brianza, per sostenere i giovani del nostro territorio in questo periodo che richiede una grande dose di pazienza.

Inoltre nello specifico per supportare le persone con diabete e i centri di diabetologia in tutta Italia queste le misure avviate.

Telemedicina.

Fino alla risoluzione dell’emergenza abbiamo deciso di mettere a disposizione gratuitamente il servizio di telemedicina integrata che consente la comunicazione della cartella clinica Smart Digital Clinic e l’app per le persone con diabete mySugr. Per tutti i centri di diabetologia che hanno già installato la cartella clinica Smart Digital Clinic, e hanno già effettuato l’aggiornamento, vi invitiamo a contattare il numero verde 800 822 189 per attivare il servizio di telemedicina.

Assistenza per i pazienti e gli operatori sanitari.

Le nostre persone pur lavorando da casa in SmartWorking sono tutte operative e si sono tutte attivate per fornire assistenza tecnica a distanza per tutti i pazienti e gli operatori sanitari che ne necessitano. Le oltre 100 persone di Roche Diabetes Care che quotidianamente operano in Italia, continuano ad essere al vostro fianco con tutti i mezzi previsti. Per avere maggiori informazioni o entrare direttamente in contatto con i referenti delle vostre Regioni potete contattare il numero verde attivo 24h su 24h 800 089 300.

numero_verde.jpg

Training a distanza.

Su tutti i nostri canali social e web potete trovare materiali educativi ed informativi sui nostri dispositivi medici e sulla malattia diabetica. Inoltre ci stiamo attivando per fornire sessioni di formazione a distanza dedicate per supportare gli operatori sanitari nella gestione della telemedicina e dei pazienti che non possono recarsi in ambulatorio per la regolare visita.

Fornitura Dispositivi Medici.

Roche sta lavorando ininterrottamente per garantire la continuità della fornitura dei prodotti e al momento non sussiste il rischio di tale interruzione in relazione all'epidemia in atto. La nostra rete di produzione ha piani solidi e sta attivamente e costantemente valutando e monitorando la situazione. Desideriamo garantirle che tutti i prodotti della linea Accu-Chek continueranno ad essere disponibili come di consueto.

Cogliamo l’occasione per testimoniare la nostra gratitudine ai medici tutti, agli infermieri, ai farmacisti, ai volontari, a tutti coloro che sono in prima linea per affrontare e superare una difficoltà che avrà il pregio di unirci ancora di più.

Infine, ci uniamo alle raccomandazioni dell’OMS e del Ministero della Salute per proteggere tutte le persone e in particolare le più fragili da questa pandemia.

Noi ci siamo, e insieme ce la faremo.

Il team di Roche Diabetes Care Italia

Come contattarci

Per assistenza tecnica su un prodotto distribuito da Roche Diabetes Care Italy S.p.A., contatta il Servizio Clienti ai seguenti numeri verdi:

Oppure scrivici a: info@accu-chek.it

Per richieste di informazioni, evasione richieste o eventuali problematiche amministrative i riferimenti sono:

Oppure, CLICCA sui link o sulle icone qui sotto riportate per entrare direttamente in contatto con noi e consentirci di supportarti al meglio:

Contatti Roche Diabetes Care Italia

www.accu-chek.it

Se necessitate di consultare i video training dei nostri sistemi, sono tutti disponibili sul canale YouTube dedicato.

SEI D'ACCORDO?

Di solito senti le fluttuazioni della glicemia in tempo?

Sì: 64% - No: 36%