La corretta alimentazione, rappresenta uno degli aspetti fondamentali per l’educazione e la gestione del diabete nel breve e lungo periodo. Sapersi alimentare in modo corretto, sviluppare un’istintiva preferenza verso i cibi più salutari e una naturale moderazione nelle porzioni, pone le basi per vivere una vita sana prevenendo al meglio complicanze e condizioni anche indipendenti dal diabete. Occorrono conoscenze e calcoli. Saper associare a ogni piatto o pasto l’appropriata dose di insulina, regala libertà alla persona con diabete, le permette di variare la propria alimentazione e di mangiare fuori casa con serenità.

corretta alimentazione per la gestione del diabete a lungo termine

Diabete e alimentazione

Ippocrate già tremila anni fa affermava che la salute dipende anche da quel che si mangia e che una dieta corretta contribuisce al suo mantenimento.

Composizione dei pasti

Carboidrati: 45-60% delle kcal totali di cui zuccheri inferiori al 15%
Grassi: 20-35% delle kcal totali
Proteine: 10-15% delle kcal totali.

L’alimentazione per i diabetici è uno dei pilastri della salute, a pari merito con la terapia insulinica, l’esercizio fisico, l’autocontrollo e l’educazione terapeutica. Si tratta di imparare a riscoprire sapori veri e naturali, senza coprirli con eccessi di grassi, sale o aggiunte artificiali, di non esagerare nelle porzioni mettendo in tavola un po’ di tutto.

Per approfondire gli argomenti, scarica il manuale gratuitamente.

Ripartizione calorica dei pasti

Il primo passo, spesso dimenticato e sottovalutato, consiste in un’adeguata suddivisione e ripartizione calorica dei pasti. La prima colazione deve rappresentare un pasto completo, mentre pranzo e cena dovrebbero essere simili per apporto calorico. Spuntini a metà mattina e metà pomeriggio possono essere necessari per avere energia durante la giornata, nel caso di bambini e ragazzi soprattutto se praticano attività sportiva.

quando è consigliabile misurare la glicemia

Cibi per diabetici: cosa fare

Gli alimenti per diabetici non sono così diversi da quelli per soggetti non diabetici e quindi una dieta per diabete dovrebbe essere così composta:

  • Per il 45-60% carboidrati (zuccheri), ma una quota < 10% di saccarosio o zuccheri aggiunti;
  • Per il 35% lipidi (grassi): saturi < 7-8%, monoinsaturi 10-20%, polinsaturi < 10%, colesterolo < 200 mg/die;
  • Per il 10-20% proteine;
  • Poco sale (< 6 g/die di sodio); poco alcool, ricordando che aumenta la quantità di calorie; fibre > 40 gr/die, soprattutto solubili.

A tavola meglio preferire i seguenti cibi:

  • Olio extravergine di oliva che contiene grassi monoinsaturi
  • Pesce 2-3 volte alla settimana, preferendo quello azzurro che contiene grassi polinsaturi ‘buoni’ omega 3
  • Carni bianche (pollo, tacchino e coniglio) e formaggi magri tipo crescenza, quartirolo, primosale, ricotta ecc., che hanno un basso contenuto di grassi
  • Pasta e legumi che sono ricchi di proteine vegetali
  • Per assumere la quantità di fibre consigliate occorre mangiare cinque porzioni di frutta e verdura quotidianamente
  • Legumi 2-3 volte a settimana

Ripartizione Calorica dei Nutrienti

Vitamine e sali minerali: secondo i fabbisogni.
Fibra alimentare: 8,4g ogni 1.000 kcal assunte fino alla fine dell’età pediatrica; 30g al giorno nell’adulto.

Carboidrati

I carboidrati rappresentano la principale fonte di energia per l’organismo e sono la base dell’alimentazione mediterranea, non sono nemici di chi ha il diabete, sono presenti nei derivati dei cereali (pasta, riso, pane, prodotti da forno) o nei legumi (fagioli, ceci, lenticchie, fave, piselli).
Bisogna preferire alimenti a basso indice glicemico e alimenti integrali ricchi di fibra che rallentano l’assorbimento degli zuccheri, giocando un ruolo positivo sul controllo del picco glicemico dovuto all’assorbimento dei carboidrati.
Meglio ridurre l’apporto di carboidrati semplici che si trasformano quasi subito in glucosio nel sangue. Sono “semplici” i carboidrati presenti nello zucchero, nel miele, nella marmellata, nella frutta (saccarosio e fruttosio), ma anche latte e yogurt (lattosio), nonché quelli aggiunti nelle bevande dolci.
Una quota compresa fra il 45% e il 60% delle calorie assunte ogni giorno, deve derivare da carboidrati di cui meno del 15% deve provenire dagli zuccheri semplici.

Grassi

Nell’infanzia e fino al terzo anno di vita, il 35-40%, dell’apporto calorico giornaliero dovrebbe essere fornito dai grassi. Successivamente, dal terzo anno di vita fino all’adolescenza, l’apporto calorico derivante dall’assunzione di grassi deve scendere al 20-35% delle kcal giornaliere. Lo stesso, vale per l’adulto che svolge attività fisica, mentre nel soggetto sedentario dovrebbe scendere al 20%. Oltre alla quantità è necessario badare alla qualità dei grassi e scegliere quelli giusti:

I Grassi sono di 4 tipi

  • i grassi saturi (di origine prevalentemente animale: carni rosse, bianche, formaggi e salumi; ma anche vegetale: olio di cocco e di palma) non devono superare il 7-10% delle calorie totali
  • grassi monoinsaturi di origine prevalentemente vegetale, devono apportare fino al 20% delle calorie totali
  • grassi polinsaturi forniti soprattutto dagli oli di semi, apportano circa il 7% delle calorie totali e contengono due categorie di grassi buoni: gli Omega 3, nei pesci “grassi” (tonno, sarde, salmone, anguilla) di cui dovremmo consumare 0,7-1,5 gr al giorno e gli Omega 6 (fabbisogno 4-6 g al giorno) presenti nei semi e nelle noci
  • grassi trans derivano da oli vegetali che hanno subito una trasformazione chimica per ottenere un grasso vegetale solido a basso costo. È raccomandata un’assunzione inferiore all’1% dell’energia totale.

Proteine

Le proteine sono i mattoncini di cui sono formati gli organismi viventi: gli amminoacidi di cui sono composti costituiscono sia le cellule, sia gli enzimi e gli ormoni che ne regolano il funzionamento. Alcuni amminoacidi possono essere ‘fabbricati’ dall’organismo, altri, detti ‘essenziali’, devono essere assunti con l’alimentazione.
Le proteine contenute negli alimenti di origine animale (carni rosse, carni bianche, pesce, latte, formaggi e salumi) sono ‘proteine animali’, mentre quelle contenute negli alimenti vegetali (soprattutto legumi, tra cui la soia, e i cereali) sono chiamate ‘proteine vegetali’. Le proteine dovrebbero rappresentare il 10-15% del fabbisogno calorico totale, equamente suddivise fra ‘proteine animali’ e ‘proteine vegetali’.
Di questi ‘mattoncini’ si ha bisogno in modo particolare nell’età della crescita: - nei lattanti il fabbisogno medio è di 1.32 grammi di proteine al giorno per chilo di peso corporeo - dopo il primo anno di vita fino all’età adulta la quantità varia da 1,5 fino a 0.7 grammi di proteine al giorno per chilo di peso corporeo. L’eccesso di proteine può affaticare la funzione del rene.

Fibre

Sono presenti nella verdura e nella frutta, nei legumi (fagioli, lenticchie, ceci) e nei cereali. Le fibre non apportano calorie, anche se una quota è recuperata dall’azione dei batteri dell’intestino sul prodotto finale che è la cellulosa. Riempiendo lo stomaco, danno sazietà, rafforzano la masticazione, ‘curano’ letteralmente l’intestino facilitando il transito intestinale e migliorando la flora batterica “buona”. Le fibre, inoltre, rallentano e rendono più costante l’assorbimento dei carboidrati contenuti nello stesso pasto cosicché l’incremento della glicemia risulta più contenuto.
È, inoltre, dimostrato il ruolo delle fibre nella prevenzione di molte malattie fra cui i tumori. Occorre assumere ogni giorno 8,4g di fibra ogni 1.000 kcal assunte nell’età evolutiva e 12,6-16,7g ogni 1.000 kcal negli adulti con un’assunzione di almeno 30g al giorno. Le statistiche affermano che i bambini italiani, oggi, mangiano pochissime fibre. È un problema serio. La frutta, può trovare posto anche a colazione o a merenda e una porzione di legumi può ben sostituire il secondo piatto.

Dolci nel diabete

I dolci, rientrano nella categoria dei carboidrati semplici e il loro consumo deve mantenersi sotto al 10% delle chilocalorie totali giornaliere.
Chi è affetto da diabete può comunque mangiare, occasionalmente (come nella popolazione sana), dolci. In un pasto complesso e ricco di fibre i dolci possono trovare ogni tanto il loro posto. Ci sono tanti tipi di dolci: alcuni sono composti solo da carboidrati semplici (un ghiacciolo, una marmellata alla frutta, una caramella) altri da carboidrati semplici e/o complessi quasi sempre associati ai grassi (una torta alla crema, una crostata o un gelato).
Attenzione in particolare alle bevande dolci anche se al gusto di frutta o succhi di frutta: spesso vengono utilizzate come bevande dissetanti, ma devono, invece, essere considerate come dei veri e propri alimenti calorici ricchi di zuccheri.

Compila il form per ricevere l'articolo in PDF

    ACCONSENTO all'informativa

    INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL’ART. 13 DEL REGOLAMENTO (UE) 2016/679 in materia di protezione delle persone fisiche, con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati

    La informiamo, ai sensi dell'art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679, che i dati personali, anche sensibili, che vorrà fornirci mediante l’inoltro del presente messaggio di posta elettronica formeranno oggetto di Trattamento, nel rispetto della normativa sopra richiamata e degli obblighi di riservatezza cui è ispirata l'attività di Roche Diabetes Care Italy S.p.A. (di seguito “Roche Diabetes Care”), al fine di poter dare riscontro alla Sua richiesta in tempi rapidi ed in maniera esauriente.

    FINALITÀ E MODALITÀ DI TRATTAMENTO

    Il trattamento dei Suoi dati personali verrà effettuato per gestire e fornire riscontro alla Sua richiesta. Per le finalità sopra indicate, Roche Diabetes Care potrà trattare non soltanto i Suoi dati personali identificativi (es. nome, cognome, luogo e data di nascita, stato civile, indirizzo, profilo professionale, etc.), ma anche eventuali dati sensibili (es. appartenenza a categorie speciali, etc.) che Lei vorrà comunicarci.

    NATURA OBBLIGATORIA O FACOLTATIVA DEL CONFERIMENTO E CONSENGUENZE DI UN EVENTUALE RIFIUTO

    Il conferimento dei Suoi dati, in relazione alle finalità indicate, è facoltativo ma necessario per permetterci di dare riscontro alla Sua richiesta. Pertanto l’eventuale rifiuto di fornire tali dati determinerà l’impossibilità per Roche Diabetes Care di prendere in carico la Sua richiesta.
    La informiamo inoltre che il Suo consenso rappresenta la base di legittimità del trattamento. Inoltre, per adempiere ad obblighi di legge, regolamenti e normativa comunitaria, far valere o difendere diritti in giudizio, perseguire legittimi interessi ed in tutti i casi previsti dagli artt. 6 e 9 del Regolamento, ove applicabili, i Suoi dati potrebbero essere trattati anche senza previo Suo consenso.

    MODALITÀ DEL TRATTAMENTO

    Il trattamento dei Suoi dati personali avverrà mediante l'impiego di strumenti idonei a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Per le operazioni di trattamento dei dati a Lei riferibili è previsto l’utilizzo di strumenti manuali, informatici e telematici. In osservanza di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679, il trattamento dei Suoi dati personali si ispira a principi di liceità, correttezza e trasparenza, compatibilità con le finalità dichiarate, adeguatezza, pertinenza e limitazione rispetto alle finalità (cd. minimizzazione dei dati); qualità, correttezza ed esattezza, giusta durata.

    I dati saranno conservati per il periodo strettamente necessario a conseguire le finalità per cui sono stati raccolti; in ogni caso il criterio utilizzato per determinare tale periodo è improntato al rispetto dei termini consentiti dalle leggi applicabili e dai principi di minimizzazione del trattamento e di razionale gestione degli archivi. Per le finalità sopra specificate potremmo conservare alcuni dati anche dopo la cessazione delle nostre attività nei Suoi confronti per il tempo necessario ad adempimenti di legge.

    COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI PERSONALI E TRASFERIMENTO ALL'ESTERO

    L’accesso e lo svolgimento di operazioni di trattamento dei Suoi dati sono circoscritti al personale di Roche Diabetes Care che necessiti di trattarli nello svolgimento delle relative mansioni. A tale proposito il personale è stato incaricato per il trattamento dei dati personali con apposita nomina, nella quale sono specificate le istruzioni in merito a tipologia dei dati raccolti e/o trattati e le relative finalità; banche dati per l’accesso ai dati personali; misure di sicurezza e le cautele da osservare nelle operazioni di trattamento dei dati; ambito del trattamento consentito, anche al fine di ricevere e documentare correttamente il consenso o il dissenso alle operazioni di trattamento qui descritte.

    Roche Diabetes Care, inoltre, fa parte di un Gruppo multinazionale, pertanto potrebbe darsi che i Suoi dati personali vengano trasferiti in altri stati, anche al di fuori dell’Unione Europea, a società controllanti, controllate o collegate, nonché a società esterne di servizi, anche soltanto per motivi di carattere tecnico-informatico. Per quanto concerne l’eventuale trasferimento dei Suoi dati in paesi anche extra-UE, tra cui alcuni che potrebbero non garantire il medesimo livello di tutela previsto dalla normativa applicabile, Le rendiamo noto che Roche Diabetes Care procederà al loro trasferimento solo in presenza di una delle condizioni di legittimità di cui al Capo V del Regolamento (UE) 2016/679, oppure, in loro mancanza, in caso di prestazione del Suo consenso.

    DIRITTI RICONOSCIUTI ALL'INTERESSATO

    Lei ha il diritto, in qualunque momento, di ottenere conferma dell’esistenza o meno di dati che La riguardano, accedere a tali dati, verificarne contenuto, origine, esattezza, ubicazione (anche in relazione ai Paesi Terzi ove i dati si trovino), chiederne copia, integrazione, aggiornamento, rettificazione e, nei casi previsti dalla legge vigente, la portabilità, limitazione, cancellazione, trasformazione in forma anonima, opposizione per le attività di profilazione e di contatto diretto (anche limitatamente ad alcuni mezzi di comunicazione), opposizione per motivi legittimi al trattamento. La informiamo inoltre che potrà sempre revocare il consenso prestato senza che ciò pregiudichi la liceità dei trattamenti effettuati prima della revoca e segnalare eventuali utilizzi dei dati non ritenuti corretti o ingiustificati; potrà infine proporre reclamo all’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali.

    Lei potrà in qualsiasi momento esercitare i diritti che il Regolamento Le riconosce rivolgendosi al Titolare del Trattamento, Roche Diabetes Care Italy S.p.A, oppure al Responsabile della protezione dei dati, utilizzando le informazioni di contatto riportate nel successivo punto 6).

    6) ESTREMI IDENTIFICATIVI DEL TITOLARE E DEL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI

    Titolare del Trattamento è Roche Diabetes Care Italy S.p.A., con sede legale ed uffici amministrativi in V.le G.B. Stucchi 110, 20900 Monza, codice fiscale e numero di iscrizione nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio Metropolitana di Milano, Monza Brianza e Lodi 09050810960.

    L’elenco aggiornato dei Responsabili del Trattamento è consultabile all’interno della Privacy Policy presente nel Sito, mentre l’elenco dettagliato dei soggetti cui i dati potranno essere comunicati è disponibile presso gli uffici amministrativi di Roche Diabetes Care Italy S.p.A..

    Lei potrà inoltre rivolgersi al Titolare o al Responsabile del trattamento inviando una e-mail al seguente indirizzo di posta elettronica: monza.privacy@roche.com. In alternativa, potete contattare il nostro responsabile della protezione dei dati al seguente indirizzo global.rdc-dpo@roche.com.

    Per avere ulteriori informazioni relativamente alla Privacy Policy di Roche Diabetes Care, utilizzi il seguente link

    https://www.roche.it/it/content/informativa-privacy.html

    Presa visione dell'Informativa di cui sopra, acconsento al trattamento dei dati personali, all'eventuale comunicazione ai soggetti elencati nell'informativa per le finalità e con le modalità indicate e al trasferimento all’estero, anche in paesi non appartenenti all'Unione Europea.

    ACCONSENTO al trattamento dei miei dati al fine di ricevere informazioni sugli stati di avanzamento della ricerca sul diabete, newsletter, materiale divulgativo con aggiornamenti e informazioni sulle offerte riguardanti prodotti e servizi Roche, nonché al fine di partecipare a eventuali indagini di mercato promosse da Roche.

    Dizionario del diabete

    Lo strumento che ti guida ad individuare e conoscere i termini della patologia, per migliorare la gestione del diabete.

    Associazioni italiane

    Associazioni nazionali, regionali e non territoriali di persone con il diabete. Scopri le realtà più vicine a te!