I risultati di uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine dimostrano che l’utilizzo di valori più bassi per la diagnosi di diabete gestazionale non ha ridotto il rischio di bambini di grandi dimensioni in rapporto all’età gestazionale.

Lo studio ha randomizzato 4.061 donne tra le settimane 24 e 32 di gestazione in due gruppi, nei quali sono stati utilizzati criteri glicemici più bassi o più alti per rilevare il diabete gestazionale. Al basale le partecipanti avevano un'età media di 31-32 anni, circa la metà era in attesa del primo figlio e l’indice mediano di massa corporea (IMC) era 26,5-26,6. A livello demografico il 40% era bianco, un terzo era asiatico, il 15-16% delle isole del Pacifico e il 5-6% era Maori. Poco più di un terzo delle donne in ciascun gruppo aveva una storia familiare di diabete e il 4% soffriva di ipertensione cronica. L'outcome primario dello studio, i bambini nati grandi per l'età gestazionale, è stato definito come un peso alla nascita oltre il 90° percentile.

Tutte le donne arruolate sono state sottoposte a un test orale di tolleranza al glucosio di 75 g con i seguenti criteri per la diagnosi di diabete gestazionale nei due gruppi:

Soglia inferiore: livello di glucosio plasmatico a digiuno di ≥92 mg/dl, livello a 1 ora di ≥180 mg/dl o livello a 2 ore di ≥153 mg/dl
Soglia superiore: livello di glucosio plasmatico a digiuno ≥99 mg/dl o livello a 2 ore ≥162 mg/dl
Al 15,3% delle partecipanti è stato diagnosticato un diabete gestazionale utilizzando i criteri glicemici più bassi, rispetto al 6,1% di diagnosi utilizzando una soglia più alta. Ma i criteri più bassi non hanno avuto alcun impatto sulla percentuale di bambini nati grandi per l'età gestazionale, pari all'8,8% nel gruppo con criteri glicemici più bassi rispetto all'8,9% nel gruppo con criteri glicemici più elevati.

Sono però state osservate alcune differenze in merito ad alcuni esiti secondari. I bambini nati da madri nel gruppo con criteri inferiori avevano maggiori probabilità di necessitare di un trattamento per l'ipoglicemia neonatale, inoltre le madri avevano maggiori probabilità di indurre il travaglio, ricevere cure farmacologiche per il diabete e utilizzare più servizi sanitari. Altri risultati, come peso alla nascita, lunghezza, circonferenza cranica, età gestazionale ridotta, macrosomia ed eventi avversi, non erano diversi tra i gruppi.

FONTE: Crowther, C. A., Samuel, D., McCowan, L. M., Edlin, R., Tran, T., & McKinlay, C. J. (2022). Lower versus Higher Glycemic Criteria for Diagnosis of Gestational Diabetes. New England Journal of Medicine, 387(7), 587-598.

Dizionario del diabete

Lo strumento che ti guida ad individuare e conoscere i termini della patologia, per migliorare la gestione del diabete.

Associazioni italiane

Associazioni nazionali, regionali e non territoriali di persone con il diabete. Scopri le realtà più vicine a te!