Gli adulti con diabete Tipo 1 che svolgono attività fisica per almeno 150 minuti a settimana hanno minori probabilità di sviluppare la polineuropatia e presentano una superiore funzionalità delle grandi fibre nervose agli arti inferiori.

Uno studio pubblicato sul Journal of Diabetes and Its Complications porta un grande supporto ai medici che discutono con i propri pazienti sull’efficacia dell’attività fisica con i loro pazienti come strategia per ridurre il rischio di complicanze legate al diabete Tipo 1.

L’attività fisica è raccomandata per migliorare il controllo glicemico nel diabete Tipo 1, almeno 150 minuti alla settimana se il diabete è presente da molto tempo. I ricercatori hanno analizzato i dati del Canadian Study of Longevity in Type 1 Diabetes, la coorte comprendeva 75 adulti con una durata di diabete Tipo 1 di almeno 50 anni (55% donne con età media di 66 anni), i soggetti sono stati sottoposti a test neurologici, incluso uno studio sulla condizione nervosa e una valutazione dei principali nervi degli arti inferiori (peroneo e surale), mentre per valutare il tempo libero e le attività fisiche domestiche a settimana è stato utilizzato il Lifetime Physical Activity Questionnaire. Tra i partecipanti, l'89% presentava polineuropatia agli arti inferiori, l'11% aveva una malattia renale cronica di stadio 3 e il 20% soffriva di malattie cardiovascolari. I pazienti si sono impegnati per sostenere una media di 156 minuti di attività fisica a settimana. Il 47% ha soddisfatto le raccomandazioni delle linee guida di pratica clinica che consigliano 150 minuti a settimana e il 37% ha riferito di avere effettuato almeno 210 minuti di attività fisica settimanale.

Gli adulti con polineuropatia hanno svolto meno attività fisica a settimana rispetto a quelli senza (141 minuti contro 258, p=0,015). La prevalenza della condizione era dell'83% in quanti eseguivano più di 150 minuti di attività fisica a settimana, mentre era del 95% dei soggetti che riferivano una minore attività fisica (differenza 12%, p=0,015). L'aumento del dolore causato dalla polineuropatia è stato associato a un'attività fisica progressivamente inferiore (p per il trend = 0,015).

Nell'analisi di correlazione è emerso quindi che una maggiore attività fisica è associata a una migliore ampiezza del potenziale d’azione dei nervi e della velocità di conduzione.

FONTE: Lewis, E. J., Lovblom, L. E., Lanctot, S., Scarr, D., Cardinez, N., Boulet, G., ... & Perkins, B. A. (2022). The association between physical activity time and neuropathy in longstanding type 1 diabetes: A cross-sectional analysis of the Canadian study of longevity in type 1 diabetes. Journal of Diabetes and its Complications, 36(3), 108134.

Dizionario del diabete

Lo strumento che ti guida ad individuare e conoscere i termini della patologia, per migliorare la gestione del diabete.

Associazioni italiane

Associazioni nazionali, regionali e non territoriali di persone con il diabete. Scopri le realtà più vicine a te!