Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da livelli elevati di glucosio nel sangue (iperglicemia). Per la gestione del diabete è necessario comprendere quali sono i meccanismi che il nostro organismo utilizza per assimilare i cibi. Quello che noi mangiamo viene digerito e trasformato in zuccheri semplici (glucosio), che vengono poi trasportati nelle cellule come fonte di energia. L’insulina è un ormone prodotto dal pancreas che permette al glucosio di penetrare nelle cellule ed essere utilizzato come fonte di energia.

Come gestire il diabete di tipo 1 e 2

Diabete tipo 1, diabete tipo 2 e Glucosio

Il diabete si manifesta quando il pancreas non produce insulina (diabete tipo 1) oppure quando il corpo non è in grado di produrne una quantità sufficiente o di utilizzarla efficacemente (diabete tipo 2). In entrambi i casi il glucosio si accumula nel sangue e causa iperglicemia. Sembra che lo stile di vita sempre più sedentario e la diffusione di cattive abitudini alimentari possano spiegare la continua crescita del numero di persone che si ammalano di diabete.

Le persone ad alto rischio di diabete devono essere incoraggiate all’introduzione di un’alimentazione ricca di fibre provenienti da ortaggi, frutta e cereali non raffinati e povera di grassi di origine animale (come burro, lardo) la tipica dieta mediterranea.

Sintomi del diabete tipo 1

Diabete tipo 1 cosa comporta? Sintomi, generalmente ben riconoscibili come:

  • minzione frequente
  • fame e sete eccessive
  • perdita di peso
  • alterazione dell’umore e confusione mentale
  • possibile presenza di glucosio e di chetoni nelle urine
  • diagnosticato più comunemente prima dei 30 anni di età

Sintomi del diabete tipo 2

Si stima che la diagnosi clinica di diabete di tipo 2 sia mediamente preceduta da una fase asintomatica della durata di circa 7 anni, durante i quali l’iperglicemia esercita effetti dannosi, cosicchè al momento della diagnosi clinica sono spesso già presenti le complicanze della malattia.

È verosimile, quindi, che la diagnosi tempestiva della malattia consenta di ridurre il rischio di complicanze. Il diabete di tipo 2 è diagnosticato più comunemente dopo i 40 anni di età.

Diabete tipo 2 cosa comporta:

  • Polinuria (minzione abbondante)
  • Polidipsia e Polifagia (aumento della sete e della fame)
  • Disturbi visivi
  • Perdita di peso (raramente)

Gestione diabete: com'è?

Punto cardine della gestione del diabete è intraprendere uno stile di vita sano: adottare abitudini alimentari corrette ed eseguire una regolare attività fisica aiuta a migliorare il controllo glicemico, sia nel diabete di tipo 1 sia di tipo 2. Un calo ponderale è raccomandato per tutti i soggetti adulti in sovrappeso oppure obesi.

L’attività fisica e la correzione dello stile di vita sono componenti fondamentali per un programma di calo ponderale e sono di grande utilità nel mantenimento dei risultati ottenuti.

Nelle persone con diabete tipo 1 la terapia insulinica deve essere integrata in un programma nutrizionale e di attività fisica individuale per evitare il rischio di iperglicemia, ma anche di ipoglicemia.

Per approfondire gli argomenti, scarica il manuale gratuitamente.

Il diabete può essere controllato?

Gli strumenti a disposizione del team diabetologico e della persona con diabete per tenere sotto controllo la malattia sono un’alimentazione corretta, l’attività fisica, la terapia farmacologica e soprattutto l’autocontrollo della glicemia. La frequenza dell’autocontrollo deve essere adattata agli eventi intercorrenti e intensificata in presenza di situazioni cliniche quali patologie intercorrenti, ipoglicemie inavvertite, ipoglicemie notturne, variazione della terapia antidiabetica.

Un buon autocontrollo non significa solo verifica dei valori di glucosio, ma anche interpretazione e monitoraggio dei risultati e conseguenti interventi terapeutici volti a migliorarli. Praticare un autocontrollo strutturato comporta misurare la glicemia con la giusta frequenza, al tempo giusto e nella giusta situazione, così da generare informazioni utili che portino alle giuste azioni correttive.

Diabete cosa mangiare e cosa fare per tenerlo sotto controllo

Il diabete si cura soprattutto con una alimentazione più sana, quella che tutti dovremmo praticare: pochi grassi, carni rosse uova e formaggio con moderazione, largo a frutta e verdura. Un attento controllo delle abitudini alimentari, associata ad un'adeguata attività fisica, rappresentano la prima forma di prevenzione di queste patologie.

Alcuni principi per una corretta alimentazione sono:

controllare le calorie introdotte in modo da tenere il peso il più possibile nella normalità o da ridurlo, in caso di sovrappeso, almeno del 10%
suddividere i nutrienti in modo equilibrato (50% dell’apporto calorico dovrebbe derivare da carboidrati, 20% proteine, 30% da grassi)
arrivare a cinque porzioni di vegetali al giorno (almeno 300 meglio 600 grammi)
preferire il pesce o le carni bianche alla carne rossa per il ridotto contenuto in colesterolo
preferire i cibi integrali a quelli derivati da farina “00”
condire solo con olio d’oliva extravergine
limitare il sale a tavola e in cottura
limitare gli alimenti ricchi in grassi animali (formaggi, salumi, prodotti dolciari)

A volte, la correzione dello stile di vita può non bastare. Il pancreas non riesce sempre a produrre l’insulina necessaria in termini di qualità o quantità. In questi casi la glicemia è spesso alta.

Controllare regolarmente la glicemia e mantenerla il più possibile vicina ai propri valori di riferimento: è possibile eseguire un autocontrollo domiciliare dei valori di glucosio utilizzando un misuratore di glicemia e seguendo le indicazioni del medico per quanto riguarda la frequenza delle misurazioni.

Controllare il valore dell’emoglobina glicata (HbA1c)

Effettuando il test dell’HbA1c è possibile stimare la media della glicemia dei 2-3 mesi precedenti e, in tal modo, valutare l’efficacia della terapia. Per determinare se il controllo metabolico è stato raggiunto e mantenuto nell’obiettivo terapeutico è consigliata una misurazione indicativamente ogni 3 mesi. Il trattamento del diabete deve essere tempestivamente adattato in ogni paziente fino a ottenere valori di HbA1c stabilmente inferiori a 7%; valori, questi, che consentono di prevenire l’incidenza e la progressione delle complicanze microvascolari.

Il controllo glicemico è valutabile in maniera migliore analizzando parallelamente sia i risultati dell’automonitoraggio glicemico sia il dosaggio dell’HbA1c, poichè consente di verificare anche la presenza di ipoglicemie o di iperglicemie.

Compila il form per ricevere l'articolo in PDF

    ACCONSENTO all'informativa

    INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL’ART. 13 DEL REGOLAMENTO (UE) 2016/679 in materia di protezione delle persone fisiche, con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati

    La informiamo, ai sensi dell'art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679, che i dati personali, anche sensibili, che vorrà fornirci mediante l’inoltro del presente messaggio di posta elettronica formeranno oggetto di Trattamento, nel rispetto della normativa sopra richiamata e degli obblighi di riservatezza cui è ispirata l'attività di Roche Diabetes Care Italy S.p.A. (di seguito “Roche Diabetes Care”), al fine di poter dare riscontro alla Sua richiesta in tempi rapidi ed in maniera esauriente.

    FINALITÀ E MODALITÀ DI TRATTAMENTO

    Il trattamento dei Suoi dati personali verrà effettuato per gestire e fornire riscontro alla Sua richiesta. Per le finalità sopra indicate, Roche Diabetes Care potrà trattare non soltanto i Suoi dati personali identificativi (es. nome, cognome, luogo e data di nascita, stato civile, indirizzo, profilo professionale, etc.), ma anche eventuali dati sensibili (es. appartenenza a categorie speciali, etc.) che Lei vorrà comunicarci.

    NATURA OBBLIGATORIA O FACOLTATIVA DEL CONFERIMENTO E CONSENGUENZE DI UN EVENTUALE RIFIUTO

    Il conferimento dei Suoi dati, in relazione alle finalità indicate, è facoltativo ma necessario per permetterci di dare riscontro alla Sua richiesta. Pertanto l’eventuale rifiuto di fornire tali dati determinerà l’impossibilità per Roche Diabetes Care di prendere in carico la Sua richiesta.
    La informiamo inoltre che il Suo consenso rappresenta la base di legittimità del trattamento. Inoltre, per adempiere ad obblighi di legge, regolamenti e normativa comunitaria, far valere o difendere diritti in giudizio, perseguire legittimi interessi ed in tutti i casi previsti dagli artt. 6 e 9 del Regolamento, ove applicabili, i Suoi dati potrebbero essere trattati anche senza previo Suo consenso.

    MODALITÀ DEL TRATTAMENTO

    Il trattamento dei Suoi dati personali avverrà mediante l'impiego di strumenti idonei a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Per le operazioni di trattamento dei dati a Lei riferibili è previsto l’utilizzo di strumenti manuali, informatici e telematici. In osservanza di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679, il trattamento dei Suoi dati personali si ispira a principi di liceità, correttezza e trasparenza, compatibilità con le finalità dichiarate, adeguatezza, pertinenza e limitazione rispetto alle finalità (cd. minimizzazione dei dati); qualità, correttezza ed esattezza, giusta durata.

    I dati saranno conservati per il periodo strettamente necessario a conseguire le finalità per cui sono stati raccolti; in ogni caso il criterio utilizzato per determinare tale periodo è improntato al rispetto dei termini consentiti dalle leggi applicabili e dai principi di minimizzazione del trattamento e di razionale gestione degli archivi. Per le finalità sopra specificate potremmo conservare alcuni dati anche dopo la cessazione delle nostre attività nei Suoi confronti per il tempo necessario ad adempimenti di legge.

    COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI PERSONALI E TRASFERIMENTO ALL'ESTERO

    L’accesso e lo svolgimento di operazioni di trattamento dei Suoi dati sono circoscritti al personale di Roche Diabetes Care che necessiti di trattarli nello svolgimento delle relative mansioni. A tale proposito il personale è stato incaricato per il trattamento dei dati personali con apposita nomina, nella quale sono specificate le istruzioni in merito a tipologia dei dati raccolti e/o trattati e le relative finalità; banche dati per l’accesso ai dati personali; misure di sicurezza e le cautele da osservare nelle operazioni di trattamento dei dati; ambito del trattamento consentito, anche al fine di ricevere e documentare correttamente il consenso o il dissenso alle operazioni di trattamento qui descritte.

    Roche Diabetes Care, inoltre, fa parte di un Gruppo multinazionale, pertanto potrebbe darsi che i Suoi dati personali vengano trasferiti in altri stati, anche al di fuori dell’Unione Europea, a società controllanti, controllate o collegate, nonché a società esterne di servizi, anche soltanto per motivi di carattere tecnico-informatico. Per quanto concerne l’eventuale trasferimento dei Suoi dati in paesi anche extra-UE, tra cui alcuni che potrebbero non garantire il medesimo livello di tutela previsto dalla normativa applicabile, Le rendiamo noto che Roche Diabetes Care procederà al loro trasferimento solo in presenza di una delle condizioni di legittimità di cui al Capo V del Regolamento (UE) 2016/679, oppure, in loro mancanza, in caso di prestazione del Suo consenso.

    DIRITTI RICONOSCIUTI ALL'INTERESSATO

    Lei ha il diritto, in qualunque momento, di ottenere conferma dell’esistenza o meno di dati che La riguardano, accedere a tali dati, verificarne contenuto, origine, esattezza, ubicazione (anche in relazione ai Paesi Terzi ove i dati si trovino), chiederne copia, integrazione, aggiornamento, rettificazione e, nei casi previsti dalla legge vigente, la portabilità, limitazione, cancellazione, trasformazione in forma anonima, opposizione per le attività di profilazione e di contatto diretto (anche limitatamente ad alcuni mezzi di comunicazione), opposizione per motivi legittimi al trattamento. La informiamo inoltre che potrà sempre revocare il consenso prestato senza che ciò pregiudichi la liceità dei trattamenti effettuati prima della revoca e segnalare eventuali utilizzi dei dati non ritenuti corretti o ingiustificati; potrà infine proporre reclamo all’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali.

    Lei potrà in qualsiasi momento esercitare i diritti che il Regolamento Le riconosce rivolgendosi al Titolare del Trattamento, Roche Diabetes Care Italy S.p.A, oppure al Responsabile della protezione dei dati, utilizzando le informazioni di contatto riportate nel successivo punto 6).

    6) ESTREMI IDENTIFICATIVI DEL TITOLARE E DEL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI

    Titolare del Trattamento è Roche Diabetes Care Italy S.p.A., con sede legale ed uffici amministrativi in V.le G.B. Stucchi 110, 20900 Monza, codice fiscale e numero di iscrizione nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio Metropolitana di Milano, Monza Brianza e Lodi 09050810960.

    L’elenco aggiornato dei Responsabili del Trattamento è consultabile all’interno della Privacy Policy presente nel Sito, mentre l’elenco dettagliato dei soggetti cui i dati potranno essere comunicati è disponibile presso gli uffici amministrativi di Roche Diabetes Care Italy S.p.A..

    Lei potrà inoltre rivolgersi al Titolare o al Responsabile del trattamento inviando una e-mail al seguente indirizzo di posta elettronica: monza.privacy@roche.com. In alternativa, potete contattare il nostro responsabile della protezione dei dati al seguente indirizzo global.rdc-dpo@roche.com.

    Per avere ulteriori informazioni relativamente alla Privacy Policy di Roche Diabetes Care, utilizzi il seguente link

    https://www.roche.it/it/content/informativa-privacy.html

    Presa visione dell'Informativa di cui sopra, acconsento al trattamento dei dati personali, all'eventuale comunicazione ai soggetti elencati nell'informativa per le finalità e con le modalità indicate e al trasferimento all’estero, anche in paesi non appartenenti all'Unione Europea.

    ACCONSENTO al trattamento dei miei dati al fine di ricevere informazioni sugli stati di avanzamento della ricerca sul diabete, newsletter, materiale divulgativo con aggiornamenti e informazioni sulle offerte riguardanti prodotti e servizi Roche, nonché al fine di partecipare a eventuali indagini di mercato promosse da Roche.

    Dizionario del diabete

    Lo strumento che ti guida ad individuare e conoscere i termini della patologia, per migliorare la gestione del diabete.

    Associazioni italiane

    Associazioni nazionali, regionali e non territoriali di persone con il diabete. Scopri le realtà più vicine a te!