È fra le condizioni che possono insorgere più frequentemente in gravidanza, ma anche meno drammatica. Solitamente il diabete gestazionale si risolve poche ore dopo il parto, ma le donne colpite hanno un aumentato rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. È possibile rimandarne od evitarne l’esordio adottando stabilmente le sane abitudini sperimentate durante l’attesa e controllando la glicemia negli anni successivi

Il diabete gestazionale non va ignorato ma non bisogna farne un dramma. Occorre aiutare il proprio organismo a superare l’impegnativo periodo della gravidanza. Come? Acquisendo stili di vita più salutari, non solo durante l’‘attesa’.

PERCHÉ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE
QUALI DONNE HANNO MAGGIORI POSSIBILITÀ DI SVILUPPARLO
COSA BISOGNA FARE
QUALCHE CONSIGLIO PRATICO

UN'ALIMENTAZIONE SANA
Per prima cosa occorre un’alimentazione sana e variegata, adeguata alle esigenze nutrizionali della madre e del bambino. Non è affatto vero che durante l’attesa bisogna ‘mangiare per due’. L’apporto calorico giornaliero (la quantità totale di cibo che noi introduciamo) varia in relazione al peso registrato prima della gravidanza. Le donne sottopeso possono mangiare di più (30-35 Kcal al giorno per Kg di peso corporeo) ed il loro incremento di peso al termine della gravidanza può raggiungere i 15-16 Kg. Differentemente, per le donne normopeso il contenuto della dieta è di 25-30 Kcal al giorno per Kg di peso corporeo (incremento di peso fino a 12 Kg), mentre quelle decisamente obese non dovrebbero aumentare più di 5-7 Kg.

L’aumento di peso è graduale: nel primo trimestre è minimo (circa un chilo), mentre nei mesi successivi il peso corporeo aumenta di 300-500 grammi a settimana. È importante che l’alimentazione sia bilanciata. Carboidrati, proteine, grassi e fibre devono essere tutti presenti.

IL PIACERE DI ESSERE IN FORMA: L’ESERCIZIO FISICO
L’attività fisica in gravidanza è importante perché permette di controllare la glicemia e di limitare l’aumento di peso

Inoltre, una costante attività fisica, migliora il tono muscolare e può facilitare il parto. Il tipo e la durata degli esercizi andranno concordati insieme al medico e adattati alla condizione della donna.

Affinché l’attività fisica in gravidanza risulti efficace sul metabolismo deve rispettare le seguenti indicazioni di:

1. Frequenza: deve essere praticata 3-4 giorni alla settimana, con massimo 2 giorni di riposo tra una seduta e l’altra.

2. Intensità: leggera o moderata; la frequenza cardiaca deve essere 110-131 bpm (nelle donne tra i 20 e i 29 anni) e 108-127 bpm (nelle donne tra i 30 e i 39 anni). Deve essere ancora possibile parlare durante l’attività e la respirazione può essere leggermente più pesante del normale.

3. Tempo: deve durare 30-60 minuti, in relazione all’attività fisica che veniva svolta prima della gravidanza. Le donne che prima della gravidanza conducevano una vita sedentaria devono iniziare con brevi sessioni intervallate da pause.

4. Tipo: possono essere svolte attività nel corso delle quali il corpo è trasportato come il nuoto, la bicicletta, la camminata, lo yoga per donne in gravidanza, l’acquagym, la ginnastica, il ballo.

IL PARTO
Il diabete gestazionale, se non adeguatamente trattato, comporta spesso una crescita eccessiva del bambino (macrosomia fetale) specie a livello dell’addome. Questa condizione rappresenta un’indicazione al parto cesareo. Il diabete gestazionale ben controllato, invece, consente una normale crescita fetale e non rappresenta un’indicazione per il taglio cesareo. L’epoca e la modalità del parto sono comunque decise in base a molti fattori.

Se la madre non ha controllato in modo adeguato il diabete gestazionale, il neonato potrebbe avere, pochi minuti dopo il parto, una piccola crisi ipoglicemica, ma una équipe neonatologica a conoscenza di questo rischio può risolvere immediatamente il problema.

La donna con diabete gestazionale quindi deve partorire in un ambiente qualificato: non in casa né in un ospedale sprovvisto di un reparto di Neonatologia o di Pediatria.

DOPO IL PARTO
Il diabete gestazionale rientra, quasi sempre, poche ore dopo il parto. Ma è necessario qualche accorgimento.

Le donne che hanno avuto il diabete gestazionale devono, due o tre mesi dopo il parto, ripetere la curva da carico di glucosio che aveva permesso di diagnosticare il diabete gestazionale. Se il test non rileva alterazioni andrà comunque rifatto entro tre anni.

Ogni volta che è possibile (per esempio in coincidenza con altri esami del sangue, o quando si capita in farmacia, o a casa propria utilizzando il glucometro) la donna dovrebbe fare una glicemia a digiuno e avvertire il medico se il valore è superiore a 100 mg/dl.

Almeno ogni due anni la donna dovrebbe misurare la pressione e controllare i livelli nel sangue di colesterolo totale, colesterolo hDL, colesterolo LDL e trigliceridi.

In caso di nuova gravidanza, il test per il diabete gestazionale andrà fatto prima: alla 16ª settimana.

Alimentandosi correttamente e facendo un’adeguata attività fisica, si può prevenire un’eventuale insorgenza del diabete.

Per approfondire gli argomenti, scarica il manuale gratuitamente.

Scarica il manuale

Compila il form per ricevere l'articolo in PDF

    ACCONSENTO all'informativa

    INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL’ART. 13 DEL REGOLAMENTO (UE) 2016/679 in materia di protezione delle persone fisiche, con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati

    La informiamo, ai sensi dell'art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679, che i dati personali, anche sensibili, che vorrà fornirci mediante l’inoltro del presente messaggio di posta elettronica formeranno oggetto di Trattamento, nel rispetto della normativa sopra richiamata e degli obblighi di riservatezza cui è ispirata l'attività di Roche Diabetes Care Italy S.p.A. (di seguito “Roche Diabetes Care”), al fine di poter dare riscontro alla Sua richiesta in tempi rapidi ed in maniera esauriente.

    FINALITÀ E MODALITÀ DI TRATTAMENTO

    Il trattamento dei Suoi dati personali verrà effettuato per gestire e fornire riscontro alla Sua richiesta. Per le finalità sopra indicate, Roche Diabetes Care potrà trattare non soltanto i Suoi dati personali identificativi (es. nome, cognome, luogo e data di nascita, stato civile, indirizzo, profilo professionale, etc.), ma anche eventuali dati sensibili (es. appartenenza a categorie speciali, etc.) che Lei vorrà comunicarci.

    NATURA OBBLIGATORIA O FACOLTATIVA DEL CONFERIMENTO E CONSENGUENZE DI UN EVENTUALE RIFIUTO

    Il conferimento dei Suoi dati, in relazione alle finalità indicate, è facoltativo ma necessario per permetterci di dare riscontro alla Sua richiesta. Pertanto l’eventuale rifiuto di fornire tali dati determinerà l’impossibilità per Roche Diabetes Care di prendere in carico la Sua richiesta.
    La informiamo inoltre che il Suo consenso rappresenta la base di legittimità del trattamento. Inoltre, per adempiere ad obblighi di legge, regolamenti e normativa comunitaria, far valere o difendere diritti in giudizio, perseguire legittimi interessi ed in tutti i casi previsti dagli artt. 6 e 9 del Regolamento, ove applicabili, i Suoi dati potrebbero essere trattati anche senza previo Suo consenso.

    MODALITÀ DEL TRATTAMENTO

    Il trattamento dei Suoi dati personali avverrà mediante l'impiego di strumenti idonei a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Per le operazioni di trattamento dei dati a Lei riferibili è previsto l’utilizzo di strumenti manuali, informatici e telematici. In osservanza di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679, il trattamento dei Suoi dati personali si ispira a principi di liceità, correttezza e trasparenza, compatibilità con le finalità dichiarate, adeguatezza, pertinenza e limitazione rispetto alle finalità (cd. minimizzazione dei dati); qualità, correttezza ed esattezza, giusta durata.

    I dati saranno conservati per il periodo strettamente necessario a conseguire le finalità per cui sono stati raccolti; in ogni caso il criterio utilizzato per determinare tale periodo è improntato al rispetto dei termini consentiti dalle leggi applicabili e dai principi di minimizzazione del trattamento e di razionale gestione degli archivi. Per le finalità sopra specificate potremmo conservare alcuni dati anche dopo la cessazione delle nostre attività nei Suoi confronti per il tempo necessario ad adempimenti di legge.

    COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI PERSONALI E TRASFERIMENTO ALL'ESTERO

    L’accesso e lo svolgimento di operazioni di trattamento dei Suoi dati sono circoscritti al personale di Roche Diabetes Care che necessiti di trattarli nello svolgimento delle relative mansioni. A tale proposito il personale è stato incaricato per il trattamento dei dati personali con apposita nomina, nella quale sono specificate le istruzioni in merito a tipologia dei dati raccolti e/o trattati e le relative finalità; banche dati per l’accesso ai dati personali; misure di sicurezza e le cautele da osservare nelle operazioni di trattamento dei dati; ambito del trattamento consentito, anche al fine di ricevere e documentare correttamente il consenso o il dissenso alle operazioni di trattamento qui descritte.

    Roche Diabetes Care, inoltre, fa parte di un Gruppo multinazionale, pertanto potrebbe darsi che i Suoi dati personali vengano trasferiti in altri stati, anche al di fuori dell’Unione Europea, a società controllanti, controllate o collegate, nonché a società esterne di servizi, anche soltanto per motivi di carattere tecnico-informatico. Per quanto concerne l’eventuale trasferimento dei Suoi dati in paesi anche extra-UE, tra cui alcuni che potrebbero non garantire il medesimo livello di tutela previsto dalla normativa applicabile, Le rendiamo noto che Roche Diabetes Care procederà al loro trasferimento solo in presenza di una delle condizioni di legittimità di cui al Capo V del Regolamento (UE) 2016/679, oppure, in loro mancanza, in caso di prestazione del Suo consenso.

    DIRITTI RICONOSCIUTI ALL'INTERESSATO

    Lei ha il diritto, in qualunque momento, di ottenere conferma dell’esistenza o meno di dati che La riguardano, accedere a tali dati, verificarne contenuto, origine, esattezza, ubicazione (anche in relazione ai Paesi Terzi ove i dati si trovino), chiederne copia, integrazione, aggiornamento, rettificazione e, nei casi previsti dalla legge vigente, la portabilità, limitazione, cancellazione, trasformazione in forma anonima, opposizione per le attività di profilazione e di contatto diretto (anche limitatamente ad alcuni mezzi di comunicazione), opposizione per motivi legittimi al trattamento. La informiamo inoltre che potrà sempre revocare il consenso prestato senza che ciò pregiudichi la liceità dei trattamenti effettuati prima della revoca e segnalare eventuali utilizzi dei dati non ritenuti corretti o ingiustificati; potrà infine proporre reclamo all’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali.

    Lei potrà in qualsiasi momento esercitare i diritti che il Regolamento Le riconosce rivolgendosi al Titolare del Trattamento, Roche Diabetes Care Italy S.p.A, oppure al Responsabile della protezione dei dati, utilizzando le informazioni di contatto riportate nel successivo punto 6).

    6) ESTREMI IDENTIFICATIVI DEL TITOLARE E DEL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI

    Titolare del Trattamento è Roche Diabetes Care Italy S.p.A., con sede legale ed uffici amministrativi in V.le G.B. Stucchi 110, 20900 Monza, codice fiscale e numero di iscrizione nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio Metropolitana di Milano, Monza Brianza e Lodi 09050810960.

    L’elenco aggiornato dei Responsabili del Trattamento è consultabile all’interno della Privacy Policy presente nel Sito, mentre l’elenco dettagliato dei soggetti cui i dati potranno essere comunicati è disponibile presso gli uffici amministrativi di Roche Diabetes Care Italy S.p.A..

    Lei potrà inoltre rivolgersi al Titolare o al Responsabile del trattamento inviando una e-mail al seguente indirizzo di posta elettronica: monza.privacy@roche.com. In alternativa, potete contattare il nostro responsabile della protezione dei dati al seguente indirizzo global.rdc-dpo@roche.com.

    Per avere ulteriori informazioni relativamente alla Privacy Policy di Roche Diabetes Care, utilizzi il seguente link

    https://www.roche.it/it/content/informativa-privacy.html

    Presa visione dell'Informativa di cui sopra, acconsento al trattamento dei dati personali, all'eventuale comunicazione ai soggetti elencati nell'informativa per le finalità e con le modalità indicate e al trasferimento all’estero, anche in paesi non appartenenti all'Unione Europea.

    ACCONSENTO al trattamento dei miei dati al fine di ricevere informazioni sugli stati di avanzamento della ricerca sul diabete, newsletter, materiale divulgativo con aggiornamenti e informazioni sulle offerte riguardanti prodotti e servizi Roche, nonché al fine di partecipare a eventuali indagini di mercato promosse da Roche.

    Dizionario del diabete

    Lo strumento che ti guida ad individuare e conoscere i termini della patologia, per migliorare la gestione del diabete.

    Scopri di più

    Associazioni italiane

    Associazioni nazionali, regionali e non territoriali di persone con il diabete. Scopri le realtà più vicine a te!

    Scopri di più