facebook


 	    
 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		

Accuratezza dell’automonitoraggio glicemico

Autori: C. Irace

GIDM e diabete


30 aprile 2019

Accuratezza dell’automonitoraggio glicemico


Nelle malattie croniche, diabete in primis, il coinvolgimento attivo del paziente nella gestione della malattia, meglio noto come empowerment, è fondamentale non soltanto per tenere sotto controllo i parametri di interesse ma anche per adattare di volta in volta il trattamento. L’automonitoraggio glicemico è l’esempio concreto di come una procedura, che il progresso tecnologico ha reso alla portata di tutti, affidabile e praticabile a domicilio, possa diventare un supporto prezioso, per non dire irrinunciabile, al fine di raggiungere il target prestabilito e migliorare più in generale il decorso della malattia e la prognosi nel lungo termine. L’articolo, dopo una premessa sull’accuratezza e sui fattori che possono influenzare la capacità analitica del glucometro, illustra le metodiche impiegate dai dispositivi comunemente reperibili sul mercato, di alcuni dei quali pone a confronto le performance. L’obiettivo della trattazione, infatti, è duplice: spiegare i criteri di valutazione degli strumenti di più ampio e consolidato impiego e mostrare, con il supporto delle evidenze scientifiche, l’importanza pratica e l’impatto sul compenso glicemico della misurazione, con particolare riguardo ai vantaggi pratici dei sistemi di lettura che rispettano la normativa ISO 15197:2013.


VEDI TUTTO, DOWNLOAD

Hai trovato quello che cercavi?

Se No, vuoi lasciarci un tuo commento?

Scopri la sezione per i pazienti.

Stile di vita, salute, prevenzione e medicina. Per persone con diabete e non solo.