facebook


 	    

 	 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		

Curati meglio gli anziani con diabete

Una ricerca dell’Associazione Medici Diabetologi ha dimostrato che in Italia l’assistenza agli over 75 con diabete negli anni è via via migliorata.

Ogni Giorno e diabete


06 maggio 2015

Curati meglio gli anziani con diabete

Questo il dato positivo emerso da una ricerca presentata dall’Associazione Medici Diabetologi (AMD) nel corso del 50° meeting annuale della EASD, European Association for the Study of Diabetes, che si è svolto a Vienna dal 15 al 19 settembre scorso. In Italia su 3 milioni di persone colpite da diabete di Tipo 2, una persona su tre è over 65, una su quattro over 75. Queste cifre sono destinate a crescere, a causa del progressivo invecchiamento della popolazione, e meritano attenzione per quanto riguarda non solo la cura e l’assistenza dell’anziano con diabete, ma anche la prevenzione delle complicanze strettamente correlate alla malattia.
L’analisi degli Annali AMD, presentata a Vienna, dimostra che in Italia l’assistenza agli anziani con diabete negli anni è via via migliorata.

«La nostra ultima indagine si è concentrata sugli ultrasettancinquenni, oltre 145.000 persone i cui dati sono registrati nel database Annali AMD, perché queste persone con diabete hanno un maggior tasso di mortalità, maggiori disabilità e malattie associate, quindi richiedono particolari competenze ed un approccio personalizzato alla cura», chiarisce Riccardo Candido, diabetologo al Distretto 3 di Trieste e componente dei gruppi AMD dedicati alla terapia personalizzata e all’anziano.

«Il miglioramento all’assistenza agli anziani è dimostrato, in primo luogo, dal miglioramento dello score Q, l’indice ideato da AMD in collaborazione con la Fondazione Mario Negri Sud. Questo indice valuta l’efficienza delle cure e dell’assistenza prestate e, conseguentemente, l’efficacia nel prevenire le complicanze tipiche del diabete: dall’infarto all’ictus, ai disturbi della vascolarizzazione, alla mortalità. Si è visto che in otto anni, tra il 2004 e il 2011, è quasi raddoppiata, dal 19,2% al 35,7%, la percentuale di over 75 con score Q superiore a 25, valore soglia che identifica lo standard di qualità delle cure. Un valore superiore a 25 indica, quindi, una situazione migliore dello standard, mentre un valore inferiore a 25 vede aumentare il rischio di episodi come ictus o infarto. Si consideri che un valore tra 25 e 15 aumenta del 20% il rischio di complicanze, mentre sotto 15, il rischio cresce all’80%», spiega ancora Candido.

Fonte: Annali AMD, ricerca presentata a Vienna in occasione del 50° meeting annuale EASD, European Association for the Study of Diabetes

Dizionario del diabete. Per saperne di più.


Hai trovato quello che cercavi?

Se No, vuoi lasciarci un tuo commento?

Argomenti correlati