facebook


 	    

 	 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		

Diabete e Lavoro

Cosa accade quando siamo a lavoro? Che posto prende il nostro diabete? Lo raccontiamo? Lo sussurriamo? Lo sveliamo a pochi intimi? Oppure lo diciamo non appena ci siamo presentati?

Diabete e Lavoro

Non è facile sul luogo di lavoro trovare un equilibrio tra l’essere se stessi e l’ansia da prestazione. E quando tremi per un’ipoglicemia, lo vorresti raccontare?

E quando suona il tuo microinfusore: lo vorresti spiegare?

Io insegno. E il mio microinfusore si vede e si sente. Suona. 

Perché io ho bisogno di avvisi per potermi prendere qualche distrazione. Per concentrarmi sul lavoro e su altro oltre il diabete. Poi lui fa la sua musichina per dirmi: occhio Elisa, devi fare qualcosa!

Ed io lo devo ascoltare e devo pensare un attimo a me.

I ragazzi lo sanno, che quando suona qualcosa, è di certo un cellulare. 

Per questo appena ho messo piede in classe, dopo poche lezioni, ho raccontato chi sono e che "suono". 

Perché mi devono conoscere bene. Perché non dicano in giro che lascio il cellulare acceso durante la lezione (altrimenti sai che bella pubblicità nel gruppo WhatsApp dei genitori?) 

E perché mi fa piacere parlare di diabete a loro. Che a volte sanno. Il nonno, l’amico, il cugino, la zia. E a volte non sanno nulla e dicono: ma è grave prof.???

Ed è così naturale e così bello che ogni volta che racconto, sono curiosa delle reazioni che avranno gli alunni.

Parlarne, è per me un modo per far capire loro che si può parlare di tutto. Meglio sapere che fare supposizioni.

E confessando quello che loro pensano essere "un segreto" ci conosciamo più a fondo e ci diamo fiducia.

Io ho lavorato con gli anziani nei laboratori di pittura, con i bambini a teatro, ma anche in luoghi più strutturati e con orari rigidi e ho sempre parlato del mio diabete. 

Ho sempre fatto di tutto per far rilassare chi si impressionava o aveva timore del diabete.

Non appena mi presentavo, ma appena ne capitava l’occasione. 

Non mi sono mai tirata indietro e non mi sono mai nascosta.

E voi? Come vivete il rapporto tra diabete e lavoro?

Scrivetemelo e raccontatemi la vostra storia se vi va.
Ogni venerdì vi racconterò la mia!

Aiutaci a divulgare queste testimonianze, affinchè possano lasciare un'impronta, una traccia anche un solo piccolo segno a qualcuno là fuori che con voce silenziosa chiede sostegno e non deve sentirsi solo.

RACCONTACI LA TUA STORIA


Hai trovato quello che cercavi?

Se No, vuoi lasciarci un tuo commento?

Scrivici