facebook


 	    
 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		

Diabete e tireopatie autoimmuni

Autori: Muscia V, Rossetti P, Anzaldi M, Nigro A, Buscema M

GIDM e diabete


28 maggio 2019

Diabete e tireopatie autoimmuni

La possibilità di sviluppare il diabete tipo 1 nei pazienti con tireopatia autoimmune (AITD) è più elevata rispetto alla popolazione generale (3-8% nei pazienti con tiroidite autoimmune e 1-5% nei pazienti con morbo di Graves) e nei pazienti con AITD è assai comune il riscontro di marcatori del diabete tipo 1 (DMT1). In entrambe le patologie è coinvolta l’immunità cellulomediata e la frequente associazione nello stesso individuo o nei familiari suggerisce una predisposizione genetica. La rassegna si propone di descrivere in che termini diabete e tireopatie autoimmuni possono coesistere e interferire reciprocamente.


Un link di stretta interdipendenza

Gli ormoni tiroidei modulano il metabolismo glucidico e lipidico con molti meccanismi. D’altra parte, nei pazienti con diabete tipo 1 è stata rilevata una disregolazione ipotalamo-ipofisi-tiroide apparentemente indipendente dall’iperglicemia.

Le osservazioni su un’influenza reciproca delle alterazioni glicemico-metaboliche e tiroidee sono numerose. L’insulinoresistenza e la conseguente iperinsulinemia sono associate al gozzo e alla patologia nodulare tiroidea; l’aumento di prodotti dell’infiammazione e la microangiopatia, tipici del diabete facilitano la comparsa della neuropatia ottica distiroidea; l’ipertiroidismo può facilitare episodi di chetoacidosi diabetica nel soggetti con DMT1; l’ipotiroidismo può manifestarsi con episodi di ipoglicemia, ma d’altro canto è associato a condizioni di insulino-resistenza, diventando potenziale fattore di rischio per sindrome metabolica e rischio cardiovascolare.


Accorgimenti terapeutici

Il trattamento deve tenere in considerazione gli aspetti fisiopatologici delle due malattie e le possibili interazioni tra farmaci.

Gli antidiabetici di comune impiego (metformina, sulfoniluree, gliclazidem glitazoni, agonisti GLP-1) non presentano grosse controindicazioni all’utilizzo in soggetti con patologie tiroidee, ma possono non essere indicati in casi molto specifici.

Tiroxina e farmaci tireostatici non sembrano avere effetti diretti sul metabolismo glucidico se utilizzati correttamente, ma possono determinare rispettivamente iperglicemia e ipoglicemia se sovradosati. Gli schemi terapeutici devono pertanto essere valutati caso per caso.


VEDI TUTTO, DOWNLOAD

Hai trovato quello che cercavi?

Se No, vuoi lasciarci un tuo commento?

Scopri la sezione per i pazienti.

Stile di vita, salute, prevenzione e medicina. Per persone con diabete e non solo.