facebook


 	    

 	 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		

Diabete: l’insulina in frigorifero potrebbe alterarsi

Uno studio dall’Università di Berlino ha rilevato un’alterazione dell’insulina conservata nel frigorifero di casa che ne comprometterebbe l’efficacia nel regolare la glicemia. Si consiglia l’utilizzo di termometri per monitorare costantemente la temperatura ideale per conservare l’insulina, compresa fra i 2 e gli 8 gradi centigradi.

Gestione e terapia e diabete


04 febbraio 2019

Diabete: l’insulina in frigorifero potrebbe alterarsi

È corretto conservare l'insulina in frigorifero?
La conservazione dell’insulina nel frigorifero di casa potrebbe comprometterne la qualità e l’efficacia, secondo uno studio effettuato dalla Charitè Universitaetsmedizin di Berlino, presentato al congresso dell’Associazione Europea per lo studio del diabete, che ha rilevato alterazioni dell’insulina riposta in frigorifero.
I ricercatori hanno previsto che fossero immessi dei sensori nei frigoriferi e nelle borse apposite che si usano per conservare l’insulina. Gli studiosi hanno coinvolto 338 persone con diabete residenti negli Stati Uniti e in Europa, e hanno assegnato loro un piccolo termometro da posizionare al fianco delle proprie confezioni di insulina (sia in frigo che nelle apposite borse quando è trasportata). Le temperature sono state monitorate per un periodo medio di 49 giorni tra novembre 2016 e febbraio 2018, il tutto grazie a un sensore che teneva traccia del parametro ogni 3 minuti, inviando tramite un’applicazione i risultati al database seguito dagli scienziati.

I risultati dello studio
Da 400 misurazioni di questo tipo è emerso che nel 79% dei casi il range era fuori dal normale, ovvero si era alterato. I frigoriferi o le borse in commercio hanno un funzionamento che prevede una fluttuazione continua e rischiano così di uscire dal range raccomandato, compromettendo l’efficacia del farmaco nel regolare la glicemia. Dall’analisi statistica è emerso chiaramente che la conservazione dell’insulina non era sicura e che la conservazione in frigorifero era più a rischio, in particolare, il rischio maggiore era quello rappresentato dal congelamento, col 17% dei sensori che ha registrato temperature pari o inferiori a zero gradi centigradi.

Gli effetti dell'insulina alterata
L’effetto di una conservazione non adeguata dell’insulina ha un importante effetto sulla sua capacità di abbassare le glicemie. I dati osservazionali emersi da questo studio dimostrano che spesso l’insulina è conservata a temperature fuori dal range consentito dal produttore. Pertanto la refrigerazione domestica potrebbe comportare un rischio per la qualità e l’efficacia dell’insulina. A tal riguardo sono necessarie ulteriori valutazioni per verificare la corretta modalità di conservazione dell’insulina ed avviadre delle strategie opportune per far fronte al problema.

Fonte: K Brune et al. Diabetes. 2018 Jul; 67 (Supplement 1).

Dizionario del diabete. Per saperne di più.

Glicemia     Insulina    


Hai trovato quello che cercavi?

Se No, vuoi lasciarci un tuo commento?

Argomenti correlati