Dormire bene fa bene

Dormire poco fa male e, secondo un recente studio svolto negli Stati Uniti, potrebbe favorire l’insorgere del diabete.

Gestione e terapia e diabete


Dormire bene fa bene

Uno studio condotto da ricercatori del Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles, dell’Università di Chicago e dell’Università del Wisconsin dimostra perché perdere ore di sonno, può portare al diabete. Proprio l’università di Chicago aveva descritto, una quindicina di anni fa, la correlazione esistente tra la carenza di sonno, la comparsa di resistenza insulinica e un aumentato rischio di diabete di Tipo 2.
Quest’ultimo studio, pubblicato su Diabetologia, è però il primo ad aver esaminato le ricadute della mancanza di sonno sul livello degli acidi grassi liberi nel sangue, confermando che la deprivazione di sonno provoca un’alterazione del metabolismo dei grassi e riduce l’efficienza dell’insulina nel regolare i livelli di glicemia.
I ricercatori hanno reclutato 19 volontari maschi in buona salute, di età compresa tra i 18 e i 30 anni. Per un mese i partecipanti sono stati sottoposti a ripetuti prelievi di sangue sia dopo nottate in cui potevano dormire otto ore, sia quando il loro sonno era limitato a quattro ore. L’alimentazione dei partecipanti è stata rigidamente controllata per tutta la durata dell’esperimento. Dopo tre sole notti di sonno ridotto, i loro livelli ematici di ormoni dello stress (noradrenalina e cortisolo) risultavano aumentati, come pure i grassi circolanti nel sangue al mattino. La funzionalità dell’ormone insulina è invece risultata ridotta notevolmente: si è registrata una condizione di resistenza all’insulina molto simile al pre-diabete, con un minor controllo degli zuccheri nel sangue. Il ridotto riposo notturno può dunque determinare un aumento degli acidi grassi liberi nel sangue e portare ad una condizione di pre-diabete temporanea, anche in giovani in buona salute.
Lo studio suggerisce una contromisura semplice ma, nello stesso tempo, efficace: convincere le persone che dormire bene e a sufficienza rappresenta una buona abitudine in grado di contrastare la dilagante pandemia di diabete e obesità.

Fonte: E Tasali et al. Diabetologia. Published online February 19, 2015.


Scrivici / Richiedi informazioni