E se ti ammali? Cosa succede se hai il diabete e prendi l’influenza?

Supponiamo che tu abbia il diabete e che tra le mille cose che possono accadere, belle o brutte, a volte ti capita di prenderti una banale influenza, raffreddore, mal di testa o febbre. Oh Madonna mia! Praticamente l'inizio di un calvario! - ti immagini.

Tutti i miei sbalzi e diabete


24 luglio 2019

E se ti ammali? Cosa succede se hai il diabete e prendi l’influenza?

Inizi dalle glicemie, che sembrano sempre un po’ altine e pensi: “Accidenti! Come mai?”
Poi è il turno del naso che cola, dolorini muscolari e brividi di freddo. Forse è inverno, ma a volte può accadere anche d'estate. Si, succede, che arrivi l'influenza, un colpo d'aria o un virus. Pian pianino, la glicemia inizia a salire e tu ti ricordi dell'ultima volta che hai avuto a che fare con questo tipo di malattie intercorrenti. 
Capitano a tutti. 
Pazienza.


Sempre questa instancabile pratica della pazienza. Alzi le dosi d’insulina, magari mangi meno perché la febbre ti fa passare la fame, ma comunque le glicemie si alzano. E oltre alla febbre, devi controllare anche diabete e chetoni.
Ma si affronta anche questa e a poco a poco si guarisce, per fortuna, ci sono cose superabili anche se un po' più complesse per noi.
Ma quand'è che tornano alla normalità queste glicemie?

Non si sa! Sorpresaaaaa! Da-daaaaa!


Improvvisamente, dopo che hai alzato tutte le dosi per cercare di contenere il disastro, il virus passa e il corpo torna alla sua normalità. Ma tu non sai quando questo accade di preciso, sicché ti becchi qualche ipo a sorpresa. Allora torni a modificare la terapia, le dosi, le alzi, le abbassi. 

Bisogna essere veloci, attenti e bravi ad “azzeccare” i giusti cambiamenti, è qualcosa che ci viene richiesto quotidianamente col diabete. A volte di più e altre meno.
Io spesso mi distraggo, ma per fortuna poi si può recuperare!
È necessario essere pronti a tutto, anche ai banali raffreddori, con la consapevolezza che tutto, comunque, non si può controllare e che, se a volte sbagliamo, possiamo anche perdonarci e andare avanti o almeno provare a limitare i danni.


Magari facendo una telefonata al diabetologo. Del tipo:" oddio come soffro!! Ho il raffreddore! Come diavolo faccio con queste glicemie impazzite??? Oddio mi aiuti!"

Senza panico.
Col sorriso.
Smagliante.
Sempre.

E con l’insulina sempre di fianco.
Noi sì, dai, ce la faremo!
Qual è la vostra esperienza?

Scrivetemi e raccontatemi la vostra storia se vi va.
Ogni mercoledì vi racconterò la mia!

Aiutaci a divulgare queste testimonianze, affinchè possano lasciare un'impronta, una traccia anche un solo piccolo segno a qualcuno là fuori che con voce silenziosa chiede sostegno e non deve sentirsi solo.

RACCONTACI LA TUA STORIA


Scrivici