facebook


 	    
 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		

Etichetta nutrizionale

Le etichette nutrizionali rappresentano un’eccellente risorsa per il calcolo dei carboidrati poiché contengono tutte le informazioni circa il valore nutrizionale di un alimento. A ogni pasto il paziente dovrà prestare attenzione soprattutto alla dimensione della porzione e ai grammi di carboidrati in essa contenuti.

Mariangela Caputo, Paolo Cirillo, Katherine Esposito, UOC di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Avanzate, Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, Napoli; ²Unità di Programma di Diabetologia, Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Avanzate, Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, Napoli

Prevenzione e diabete


15 novembre 2019

Etichetta nutrizionale

Se il paziente sa di dover assumere una quota standard di carboidrati, dovrà regolarsi in base all’alimento che decide di consumare, aiutandosi con le informazioni fornite dall’etichetta nutrizionale.


Se a colazione sono previsti 30 grammi di carboidrati e il paziente decide di consumare latte e biscotti dovrà sapere che in ogni biscotto ci sono 3,9 grammi di carboidrati e che in 100 mL ci sono 5 grammi di carboidrati. Di conseguenza potrà consumare 5 biscotti e 200 mL di latte.

Etichetta-nutrizionale-come-usarla_v2-2.jpg


Hai trovato quello che cercavi?

Se No, vuoi lasciarci un tuo commento?

Scopri la sezione per i pazienti.

Stile di vita, salute, prevenzione e medicina. Per persone con diabete e non solo.