facebook


 	    

 	 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		

Farmacia: vero strumento di supporto

L’importanza del farmacista per l’aderenza alla terapia nei pazienti con diabete.
Quando si parla di diabete, l’innovazione nella cura passa non solo attraverso la ricerca e i nuovi farmaci, ma anche attraverso soluzioni volte a fornire maggiore informazione e migliori servizi.

Gestione e terapia e diabete


04 luglio 2019

Scarica magazine n° 52

Scarica magazine n° 52

Farmacia: vero strumento di supporto

Un esempio in questo senso è costituito dal coinvolgimento del farmacista come supporto alla persona con diabete. Abbiamo intervistato il dottor Domenico Bruno, farmacista, per parlare proprio di questo aspetto.

La persona che si reca in farmacia, oltre ad acquistare i medicinali, si confida, cerca consigli e rassicurazioni. “In farmacia, il paziente diabetico dovrebbe sempre trovare esperti che rispondano alle domande sui prodotti e sui servizi per gestire al meglio il proprio diabete e le complicanze a esso legate”, ci dice il dottor Bruno.


È importante che il farmacista fornisca soluzioni studiate per migliorare la qualità di vita delle persone con diabete. “Parte del nostro compito è quello di stare vicino al paziente aiutandolo nel quotidiano.



Siamo molto scrupolosi e monitoriamo i pazienti ogni volta che vengono in farmacia, anche facendo attenzione a ciò che acquistano: se per esempio una persona non chiede le strisce per la misurazione della glicemia, può significare che non si fa abbastanza autocontrolli”, continua Bruno. 

Grande attenzione è posta sugli anziani che, a differenza dei più giovani, solitamente tendono a trascurarsi. Spiega il dottor Bruno: “Spesso, dopo una prima fase in cui la persona con diabete è molto attenta alla sua nuova condizione di salute, ce ne è una in cui ‘dimentica’ completamente di avere il diabete. In questo caso, nessuno strumento da solo è in grado di riportare la persona a un adeguato livello di aderenza alla terapia. 

Solo insieme all’attività motivazionale e informativa del farmacista il paziente può comprendere a pieno il ruolo dell’alimentazione, dell’esercizio fisico e del corretto monitoraggio. Tutti elementi che incidono in modo importante sulla sua qualità di vita e di quella di chi gli sta vicino”. 

Inoltre, non sempre le persone anziane hanno dimestichezza con gli strumenti digitali, e questo comporta una maggiore difficoltà da parte loro a utilizzarli al massimo delle potenzialità. Anche in questo aspetto la farmacia può essere un valido aiuto, se pensata come una sorta di centro di raccolta dei dati dei pazienti. “Un progetto di questo tipo non solo è attuabile, ma anche auspicabile”, spiega il dottor Bruno.



“Tuttavia, credo sia necessario insegnare anche ai farmacisti come usare determinate tecnologie, occorre fare formazione, in modo da poter collaborare a stretto giro con tutto il team diabetologico. Solo così la persona può essere seguita a tutto tondo.



E poi c’è anche un discorso di tempo: non sempre il medico può dedicarne molto a ogni singolo paziente, quindi diventa sempre più importante lo scarico dei dati dai glucometri, e che questi possano essere processati da un programma in grado di evidenziare gli aspetti critici, supportando il medico a guadagnare tempo prezioso.”

Tempo che il farmacista, anche per motivi di prossimità, deve invece trovare: il paziente staziona in farmacia, lì trova consigli e prodotti che possono accompagnarlo nella gestione di una patologia cronica come il diabete. Ma trova soprattutto operatori competenti, disponibili e facilmente contattabili, praticamente sotto casa e per quasi tutto il giorno.

Per questo la farmacia rappresenta un importante centro di informazione e prevenzione, disponibile a supportare e accompagnare gli utenti nelle scelte relative alle proprie esigenze di salute. Appare dunque evidente che la funzione del farmacista come “educatore sanitario” necessiti sempre più di strumenti nuovi e pratici. 


					                
				
					
				
				
					
				
				
					
					
					
					
					
					
					
					                
					                
				
				

ARCHIVIO DEI NUMERI PRECEDENTI

Vai all'archivio della rivista Modus e leggi tutti i numeri della rivista in pdf.

VEDI ARCHIVIO