facebook


 	    

 	 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		

Giovani adolescenti attivi meno rischi di diabete

Secondo uno studio inglese, pubblicato sulla rivista “Diabetologia”, nei teenager più giovani e fisicamente più attivi si riduce il picco di resistenza all’insulina che si riscontra negli anni dell’adolescenza.

Giovani adolescenti attivi meno rischi di diabete

Secondo un recente studio inglese, pubblicato su Diabetologia, alti livelli di esercizio fisico durante i primi anni dell’adolescenza ridurrebbero il rischio di sviluppare il diabete di Tipo 2.

«La tendenza delle cellule a non rispondere all’azione dell’insulina è alla base dello sviluppo del diabete di Tipo 2», spiega il coordinatore dello studio, Brad Metcalf dell’Università di Exeter in Inghilterra, sottolineando come l’insulino-resistenza ha un picco tra i 9 e i 13 anni per poi scendere fino ai 16 anni.
La ricerca ha coinvolto 300 bambini e bambine, a partire dai 9 fino ai 16 anni, che sono stati sottoposti ogni anno a una serie di esami per valutare il buon funzionamento metabolico: pressione arteriosa, indice di insulino-resistenza, glicemia a digiuno, emoglobina glicata e lipidi.

«Abbiamo anche misurato il livello di attività fisica dei giovani coinvolti nella ricerca», spiega Metcalf, «per valutarne l’effetto sulla resistenza all’insulina».Lo studio ha dimostrato che il picco di insulino-resistenza a 13 anni era del 17% più basso negli adolescenti più attivi dal punto di vista fisico, indipendentemente dalla percentuale di grasso corporeo e dal fatto che la pubertà fosse già arrivata oppure no, rispetto ai meno attivi.
«Questa differenza diminuiva progressivamente nei successivi 3 anni e spariva completamente a 16 anni», precisa Metcalf. «Questo dato però non significa che a 16 anni i ragazzi non abbiano più bisogno di svolgere attività fisica: sono molti infatti i benefici sulla salute legati all’esercizio a qualunque età».

I ricercatori ritengono clinicamente interessante il dato dell’attenuazione del picco dell’insulino-resistenza con l’attività fisica svolta nella prima adolescenza. Resta però da approfondire come la temporanea attenuazione dell’insulino-resistenza durante la adolescenza “attiva” abbia implicazioni sullo sviluppo del diabete e generalmente sulla salute metabolica.

Fonte: BS Metcalf et al. Diabetologia. Published online August 12, 2015.

Dizionario del diabete. Per saperne di più.


Argomenti correlati