I giovani “atleti” protetti dal rischio diabete?

L’ipotesi si basa sull’osservazione di un campione di 1.400 bambini: chi ha più muscoli ha anche parametri che difendono dalla malattia.

Sport e attività fisica e diabete


01 giugno 2014

I giovani “atleti” protetti dal rischio diabete?

I pre-adolescenti con muscoli più forti hanno meno probabilità di sviluppare malattie cardiache e diabete. È questa l’ipotesi formulata da un nuovo studio pubblicato sulla rivista Pediatrics che ha esaminato l’impatto della forza muscolare sulla salute metabolica e cardiaca di ragazzi e ragazze giovanissimi.

La ricerca, condotta da Mark D. Peterson della University of Michigan Medical School, ha analizzato un campione di più di millequattrocento ragazzi dai dieci ai dodici anni, monitorati per grasso corporeo, livelli di glicemia, pressione arteriosa sanguigna, livelli di colesterolo e di trigliceridi.

«I bambini e le bambine che avevano una muscolatura più sviluppata avevano anche un più basso indice di massa corporea, meno grasso viscerale e una circonferenza addominale minore, oltre che più elevati livelli di fitness, rispetto ai ragazzi meno forti e meno sportivi», spiega Paul Gordon, coautore dello studio. «Tali parametri sono correlati con un rischio inferiore di sviluppo di diabete e patologie cardiache, pertanto le attività mirate a rinforzare la muscolatura dovrebbero essere incluse nell’attività fisica per bambini e adolescenti», conclude Gordon.
Fonte: MD. Peterson et al., Pediatrics. 2014;133:896-903

Dizionario del diabete. Per saperne di più.

Colesterolo     Diabete mellito     Glicemia    


Argomenti correlati

Scrivici