facebook


 	    

 	 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		

I mattinieri vivono di più, meglio e sono meno a rischio di diabete mellito

Secondo uno studio, pubblicato su “Chronobiology International”, che ha monitorato lo stato di salute di oltre 400mila persone, i “gufi”, quelli che vanno a letto tardi e si svegliano tardi, hanno il 30% in più di rischio di soffrire di diabete mellito.

Ogni Giorno e diabete


03 ottobre 2018

I mattinieri vivono di più, meglio e sono meno a rischio di diabete mellito

I pro di alzarsi presto
Le persone abituate a svegliarsi presto al mattino vivono più a lungo e si ammalano meno, anche di diabete mellito, rispetto a quelle che vanno a letto tardi e che la mattina hanno difficoltà a svegliarsi. Lo rivela uno studio, pubblicato sulla rivista Chronobiology International, che ha coinvolto 433.268 persone, dai 38 ai 73 anni.

I ricercatori hanno diviso il campione in 4 sottogruppi a seconda di quanto ciascuno fosse tendenzialmente mattiniero o nottambulo, con quattro diversi livelli: i decisamente mattinieri (le “allodole”), i moderatamente mattinieri, i moderatamente nottambuli e i decisamente nottambuli (i “gufi”).

Meglio allodole che gufi
Monitorando lo stato di salute dei partecipanti per 6 anni e mezzo, gli studiosi statunitensi hanno calcolato che i “gufi” hanno mediamente il 10% in più di rischio di morte per qualsivoglia causa rispetto alle “allodole”.

Inoltre, rispetto alle allodole, i gufi hanno il 30% in più di rischio di soffrire di diabete, circa il doppio di rischio di soffrire di un qualche disturbo psicologico, il 23% di rischio in più di malattie respiratorie, il 22% in più di disturbi gastrointestinali. L’aumentato rischio di mortalità nei gufi pare sia riconducibile, secondo gli scienziati, a fattori di rischio comportamentali, psicologici e fisiologici, molti dei quali potrebbero essere riconducibili a un disallineamento cronico tra il timing fisiologico interno e quello imposto dall’esterno dal lavoro e dalle attività sociali.

Quanto emerso suggerisce la necessità di trovare possibili strategie di intervento volte a modificare i ritmi circadiani negli individui o a consentire maggiore flessibilità negli orari lavorativi ai nottambuli.

Fonte: KL Knutson et al. Chronobiology International. Published online April 11, 2018.

Dizionario del diabete. Per saperne di più.

Diabete mellito    


Hai trovato quello che cercavi?

Se No, vuoi lasciarci un tuo commento?

Argomenti correlati