Il consumo di pesce grasso previene il diabete

Il segreto della prevenzione è il pesce ricco di omega 3

Alimentazione e diabete


11 giugno 2014

Il consumo di pesce grasso previene il diabete

Secondo i ricercatori dell’University of Eastern Finland per prevenire il diabete è una buona scelta inserire nella dieta il consumo regolare di pesce ricco di omega 3. In uno studio pubblicato lo scorso gennaio su Diabetes Care, gli scienziati finlandesi hanno infatti dimostrato che quando la concentrazione di questi grassi nel sangue è maggiore, diminuisce il rischio di sviluppare la malattia. I ricercatori hanno analizzato l’associazione tra l’incidenza del diabete e livelli ematici di omega 3 in 2.212 uomini, monitorandone lo stato di salute per circa vent’anni. All’inizio dello studio, quando i partecipanti avevano tra i 42 e i 60 anni, sono stati valutati i livelli di omega 3 nel loro sangue. Nel ventennio successivo è stata invece valutata l’insorgenza del diabete di Tipo 2.

In base ai dati a disposizione i ricercatori hanno diviso i partecipanti in quattro gruppi. Ne è emerso che quelli appartenenti al gruppo con i livelli ematici di omega 3 più elevati hanno corso un rischio di sviluppare il diabete inferiore del 33 per cento rispetto a chi si trovava nel gruppo con livelli di omega 3 più bassi.
La dieta ideale, sempre secondo gli esperti, dovrebbe prevedere almeno due pasti la settimana a base di pesce grasso, come la trota iridea, il salmone, le sardine, le acciughe e gli sgombri, in quanto naturalmente ricchi di acidi grassi omega-3 a catena lunga. Meglio completare il tutto con un moderato esercizio fisico e un’attenta gestione del peso corporeo.

Fonte: J.K. Virtanen et al., Diabetes Care; 2014; 37:189–196