facebook


 	    
 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		

Il diabete doppio: reale entità nosologica?

Autori: Marandola L, Zampetti S, Buzzetti R

GIDM e diabete


21 maggio 2019

Il diabete doppio: reale entità nosologica?

Coniata nel 2003, la denominazione “diabete doppio” indica una forma ibrida di diabete caratterizzata dalla compresenza di elementi sia del tipo 1 (autoanticorpi contro insulina, isole pancreatiche e altri self-antigeni), sia del tipo 2 (sovrappeso/obesità, insulino-resistenza). I dati epidemiologici lasciano un ampio margine di variabilità, ma hanno mostrato che, tra i soggetti in età pediatrica inquadrati con diagnosi di diabete tipo 2, nel 10-74% dei casi è presente almeno un marker di autoimmunità beta-cellulare.


Dalla patogenesi alla diagnosi

Sussistono ancora numerosi dubbi sulla fisiopatologia del diabete doppio, ma la teoria al momento più accreditata è l’“accelerator hypothesis”, secondo cui DMT1 e il DMT2 sono rappresentati dallo stesso disordine metabolico, con un differente background genetico. L’insulino-resistenza, guidata dall’obesità, accelera l’apoptosi, altera la secrezione insulinica e modifica la trascrizione di geni rilevanti per la betacellula.

I criteri diagnostici prevedono dunque la coesistenza di caratteristiche cliniche tipiche del DMT2 (ipertensione, dislipidemia, sovrappeso/obesità) e autoanticorpi betacellulari, seppur a livelli inferiori rispetto al diabete tipo 1, del quale mancano però i sintomi clinici (perdita di peso, poliuria, polidipsia e chetoacidosi).


Approccio e prospettive

Premesso che potrebbe essere utile escludere la presenza di autoanticorpi in un bambino o ragazzo con diabete tipo 2, l’approccio al diabete doppio non è ancora ben codificato. Considerata l’età pediatrica, un regime dietetico restrittivo non sembra raccomandabile, ma risulta preferibile incentivare l’aumento dell’attività fisica per un adeguato calo e controllo ponderale. Per il trattamento farmacologico, mancano attualmente dati da validi RCT per suggerire l’utilizzo di terapie insulino-sensibilizzanti, potenzialmente valide da un punto di vista teorico e patofisiologico. È fondamentale valutare caso per caso le necessità terapeutiche e soprattutto attuare le opportune strategie di prevenzione, con particolare riguardo alle complicanze cardiovascolari.


VEDI TUTTO, DOWNLOAD

Hai trovato quello che cercavi?

Se No, vuoi lasciarci un tuo commento?

Scopri la sezione per i pazienti.

Stile di vita, salute, prevenzione e medicina. Per persone con diabete e non solo.