facebook


 	    

 	 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		

In gravidanza attente al grasso addominale

Secondo uno studio canadese, il grasso addominale è dannoso anche per le donne che ne accumulano troppo durante le prime settimane di gravidanza: corrono un maggior rischio di sviluppare diabete gestazionale.

Gravidanza e diabete


18 gennaio 2017

In gravidanza attente al grasso addominale

Numerose ricerche, tra le quali quella condotta su oltre 15mila persone dagli scienziati della Mayo Clinic e pubblicata di recente dalla rivista Annals of Internal Medicine, hanno dimostrato che il grasso addominale raddoppia la possibilità di morte prematura dovuta a diabete, ictus, malattie coronariche e altri problemi cardiaci.
Una nuova ricerca ha dimostrato che l’accumulo di grasso addominale è dannoso anche per le donne che aspettano un bambino: quelle che hanno elevate quantità di grasso addominale durante le prime settimane di gravidanza corrono un maggior rischio di sviluppare diabete gestazionale.
Lo studio, pubblicato sulla rivista Diabetes Care, ha preso in considerazione 500 donne tra i 18 e 42 anni. «Questa ricerca mette in luce la possibilità di valutare le pazienti fin dalle prime fasi della gravidanza e di usare il grasso addominale come fattore per prevedere la possibilità di sviluppo di diabete», ha detto Leanne De Souza del St. Michael’s Hospital di Toronto che ha coordinato lo studio.

Non servono esami specifici: basta la semplice ecografia effettuata durante le visite di routine per allertare il medico, sottoporre la donna a un più attento programma di sorveglianza e, soprattutto, mettere in atto strategie di prevenzione: una dieta e stili di vita più sani finalizzati a mantenere quanto più possibile il peso sotto controllo».

Finora, per individuare le donne più a rischio per questa forma di diabete, si consideravano altri fattori, come l’etnia, l’età, l’indice di massa corporea, la storia familiare o alterazioni nei livelli di glicemia nel sangue.
Ma, considerando che l’obesità viene riscontrata nel 40% e che i precedenti familiari non sono molto indicativi (essendo il diabete molto diffuso), individuare un indicatore più preciso era quanto mai utile.

Leanne De Souza ha concluso che «dovrebbero essere intrapresi sforzi per promuovere una dieta e uno stile di vita sani e dare una mano alle donne per scongiurare eccessivi aumenti di peso».

Fonte: LR De Souza et al. Diabetes Care. Published online November 2, 2015.

Dizionario del diabete. Per saperne di più.


Hai trovato quello che cercavi?

Se No, vuoi lasciarci un tuo commento?

Argomenti correlati