La sauna fa bene alla mente, ma anche al cuore

Uno studio finlandese, pubblicato su JAMA Internal Medicine, conferma l’effetto protettivo della sauna sul rischio cardiaco. Benefici anche per le persone con diabete: la ricerca prosegue in questa direzione.

Gestione e terapia e diabete


18 gennaio 2017

La sauna fa bene alla mente, ma anche al cuore

Lo studio di un gruppo di ricercatori della University of Eastern Finland, pubblicato su JAMA Internal Medicine, ha dimostrato come la pratica della sauna possa avere ricadute positive anche sul cuore.

Se erano già noti gli effetti benefici della sauna sull’organismo, non era però ancora stato studiato come questa pratica potesse influire su gravi problemi di cuore. Dopo oltre vent’anni di ricerche, il team di scienziati finlandesi ha quindi scoperto che frequenti saune riducono notevolmente la probabilità di morte relativa a scompensi cardiaci.

Lo studio è stato condotto su un campione di 2.315 uomini tra i 42 e i 60 anni della Finlandia orientale, dove la pratica della sauna è particolarmente diffusa. Durante i 21 anni di osservazione, sono state registrate 190 morti cardiache improvvise, 281 casi mortali di malattia coronaria, 407 decessi per malattie cardiovascolari e 929 morti relative all’insieme delle cause. Dai dati è emerso che la sauna rappresenta un fattore di protezione generale e specifico contro le malattie cardiache: il rischio di morte cardiaca improvvisa si riduce del 22% con 2-3 sedute a settimana e del 63% con 4-7 sedute, mentre il rischio di malattie cardiache si riduce rispettivamente del 27% con 2-3 sedute e del 50% con 4-7 sedute e quello di malattie coronariche evidenzia una riduzione del rischio rispettivamente del 23% e del 48%.

Lo studio ha rivelato inoltre che a produrre effetti benefici non è solo la frequenza con cui si fa la sauna ma anche la sua durata: rispetto a chi vi restava meno di 11 minuti, il rischio di morte cardiaca improvvisa diminuiva del 7% per sessioni da 11 a 19 minuti e del 52% per sessioni più lunghe di 19 minuti.

«Abbiamo riscontrato benefici anche per i diabetici», ha spiegato il diabetologo Francesco Zaccardi, Department of Health Sciences dell’University of Leicester nel Regno Unito, che ha partecipato allo studio. Zaccardi e il gruppo di ricerca finlandese stanno cercando ora di approfondire i meccanismi fisiologici indotti dalla sauna e di definire la relazione con il diabete.

Fonte: T Laukkanen et al. JAMA Internal Medicine. 2015;175(4):542-548.

Dizionario del diabete. Per saperne di più.

Diabete mellito    


Argomenti correlati