facebook


 	    

 	 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		

Meglio mangiare a casa che al ristorante

Secondo uno studio dell’Harvard T.H. Chan School of Public Heath di Boston, pubblicato sulla rivista “Plos Medicine”, rinunciare a qualche pasto al ristorante per mangiare in casa, riduce il rischio di diabete di Tipo 2.

Alimentazione e diabete


02 novembre 2016

Meglio mangiare a casa che al ristorante

Chi predilige i pasti preparati in casa corre meno rischi di soffrire di diabete di Tipo 2 rispetto ai frequentatori assidui di ristoranti.
Queste, in sintesi, le conclusioni di uno studio dell’Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston, pubblicate sulla rivista Plos Medicine.
I ricercatori statunitesi, preoccupati della tendenza a mangiare spesso fuori e a consumare cibi di fast food, hanno ipotizzato che questo comportamento potesse portare a un aumento di peso e, di conseguenza, ad un aumento del rischio di sviluppare il diabete di Tipo 2.

È stata quindi analizzata una grossa mole di dati sulle abitudini alimentari di 58.051 donne (dal 1986 al 2012) e 41.676 uomini (dal 1986 al 2010) in due studi prospettici di coorte. I dati raccolti, in seguito, sono stati collegati con l’insorgenza del diabete.
I risultati indicano che le persone che hanno dichiarato di consumare dai 5 ai 7 pasti serali fatti in casa nel corso di una settimana avevano un rischio inferiore del 15% di sviluppare il diabete di Tipo 2 rispetto a coloro che hanno riferito di aver consumato solo due pasti, o ancora meno, preparati in casa in una settimana.
Secondo i ricercatori questa associazione sarebbe dovuta soprattutto all’aumento di peso più frequente nelle persone che mangiano spesso al ristorante.

Fonte: G Zong et al. Plos Medicine. Published online July 5, 2016.

Dizionario del diabete. Per saperne di più.


Hai trovato quello che cercavi?

Se No, vuoi lasciarci un tuo commento?

Argomenti correlati