facebook


 	    

 	 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		
				

				
				

Tutti i miei sbalzi e diabete

Muoviti! Muoviti! Muoviti!

Da quando ci viene comunicata la diagnosi di diabete ci viene detto a ripetizione: bisogna fare movimento! Muoviti! Subito! Un’ora al giorno! Anzi, no, facciamo due! Meglio se tre! Muoviti!

Muoviti! Muoviti! Muoviti!

Se sei a casa e ti rigiri nel divano, i parenti e i compagni ti dicono con leggerezza: “certo, potresti muoverti un po’ di più. Tipo andare a scalare una montagna. Oppure correre intorno a tutta la città senza sosta! Andare a piedi nudi nel bosco a cercar funghi. Andare in piscina e nuotare per 3 ore”.

Perché no?

Poco importa se per lavoro o per la vita frenetica di tutti i giorni tu già ti muovi ininterrottamente, quello non è sport. È ansia.

Anche stare dietro ai figli. Quelli piccoli poi, che ti fanno consumare milioni di calorie solo per spingere il passeggino. No. Quello non è sport.

Per fare sport devi stare tranquillo e muoverti. Come se fosse una cosa rilassante.

Certo. Si può fare.

Ma tutti ce la facciamo veramente a farlo? E quando poi ritorna l’epidemia e la paura e lo stare chiusi in casa, Cosa si fa? Si scalano gli armadi?

Non è un buon equilibrio quello tra lo stress della vita di tutti i giorni, la voglia di oziare e riposarsi e il diabete che ti dice - muoviti! - Devi fare movimento se vuoi scrollarmi un po’ dal tuo corpo!

E così io ci provo, con tutta me stessa, ma non sempre ci riesco. E voi, ci riuscite?

Muovetevi!

Dai scrivetemi, come vi muovete, la vostra storia.

Ogni venerdì vi racconterò la mia!

Aiutaci a divulgare queste testimonianze, affinchè possano lasciare un'impronta, una traccia anche un solo piccolo segno a qualcuno là fuori che con voce silenziosa chiede sostegno e non deve sentirsi solo.

RACCONTACI LA TUA STORIA


accu-chek

Hai trovato quello che cercavi?

Se No, vuoi lasciarci un tuo commento?

RICERCA PER ARGOMENTI

Testimonianze e diabete

ARCHIVIO ARTICOLI

Vai all’archivio degli articoli tutti i miei sbalzi.

VEDI ARCHIVIO