Nottambuli, rischio maggiore di malattie cardiache e diabete Tipo 2

I risultati della prima revisione internazionale di studi che analizzano l’influenza del cronotipo sulla salute, pubblicata sulla rivista “Advances in Nutrition”, evidenziano che coloro che amano stare svegli fino a notte fonda possono avere un rischio più elevato di soffrire di malattie cardiache e diabete di Tipo 2.

Ogni Giorno e diabete


13 marzo 2019

Nottambuli, rischio maggiore di malattie cardiache e diabete Tipo 2

Cronotipo
L’organismo umano è regolato da un orologio interno, un ciclo di 24 ore chiamato cronotipo, che governa le diverse funzioni fisiche, come mangiare, dormire e svegliarsi. I ricercatori della Northumbria University di Newcastle nel Regno Unito, hanno stabilito che diversi fattori influiscono sulla determinazione del cronotipo, fattori come il sesso, l’etnia, la genetica. Inoltre affermano che coloro che hanno un cronotipo notturno sono associati a un maggiore rischio di malattie cardiache e diabete di Tipo 2, a causa del comportamento alimentare più povero e a una dieta poco sana.

Sonno e diabete

I soggetti che vanno a letto tardi, infatti hanno una dieta meno equilibrata, poiché riportano abitudini alimentari irregolari, come fare meno pasti, ma più abbondanti, consumare molte bevande zuccherate, molte delle quali contenenti anche caffeina. Mentre coloro che hanno una preferenza mattutina sono soliti mangiare più frutta e verdura, avere orari più rigidi e stabili.

I ricercatori inoltre si sono concentrati sui metodi migliori per valutare il cronotipo di un individuo e su come questo possa influenzare la sua salute cardiometabolica, e su come a lungo termine questi metodi possano potenzialmente guidare lo sviluppo di strategie di promozione della salute per prevenire e curare le malattie croniche basate sul cronotipo di un individuo.

Fonte: Almoosawi S et al. Chronotype: Implications for Epidemiologic Studies on Chrono-Nutrition and Cardiometabolic Health. Advances in Nutrition. Published online 30 November 2018.

ABSTRACT

Chrono-nutrition is an emerging research field in nutritional epidemiology that encompasses 3 dimensions of eating behavior: timing, frequency, and regularity. To date, few studies have investigated how an individual's circadian typology, i.e., one's chronotype, affects the association between chrono-nutrition and cardiometabolic health. This review sets the directions for future research by providing a narrative overview of recent epidemiologic research on chronotype, its determinants, and its association with dietary intake and cardiometabolic health. Limited research was found on the association between chronotype and dietary intake in infants, children, and older adults. Moreover, most of the evidence in adolescents and adults was restricted to cross-sectional surveys with few longitudinal cohorts simultaneously collecting data on chronotype and dietary intake. There was a gap in the research concerning the association between chronotype and the 3 dimensions of chrono-nutrition. Whether chronotype modifies the association between diet and cardiometabolic health outcomes remains to be elucidated. In conclusion, further research is required to understand the interplay between chronotype, chrono-nutrition, and cardiometabolic health outcomes.

Dizionario del diabete. Per saperne di più.

Diabete di tipo 2     Dieta     Genetico    


Argomenti correlati