facebook


 	    

 	 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		
				

				
				

Tutti i miei sbalzi e diabete

Obiettivo: non rimanere fermi!

In questi giorni di reclusione in casa è difficile mantenere tutte le buone abitudini di un tempo che ci facevano tanto bene! In primis il movimento fisico. Anche quel correre di qua e di là per arrivare al lavoro, prendere i figli a scuola, fare la spesa.

Obiettivo: non rimanere fermi!

Tutto quel movimento, ansia, stress, nervoso, ci dava noia, ci faceva sentire sfiniti a sera ma quanto ci faceva sentire vivi? Certo, ora abbiamo più tempo per noi, per la famiglia, per i figli. 

Ma da numerose ricerche il dato che emerge è che si mangia parecchio di più! Conosco persone che stilano complicatissimi menù settimanali a base di pizza, pasta, pizza, focaccia, amatriciana e dolci di ogni genere e sorta.

Mi viene da pensare che tutto ruoti intorno al cibo e alla sua preparazione!

Il cibo si sa, ci conforta e ci coccola e, per ora, che non ci si può nemmeno stringere le mani sembra l'unico modo per scaldarci il cuore! 

Abbiamo tutti una carenza massiccia di coccole e per chi è in casa con i mariti, si sa, non vedevano l’ora di avere la scusa del metro di distanza per esimersi dagli abbracci e le carinerie!

Ma col diabete come si fa? Non si mette mica tra parentesi, quello. 

Continuare un minimo di attività fisica è importante per tenere attivo il corpo. Provare a mangiare in maniera equilibrata è una vera sfida in questi giorni ma anche una necessità di salute per noi! 

Bisogna impegnarsi e non cedere a mille sgarri. Provare a correre da fermi in casa. Fare esercizi. Salire e scendere le scale veloci come se si stesse perdendo il bus. Bisogna organizzarsi per arrivare in salute alla fine di tutto questo lungo e pesante periodo. Mantenendo bene sotto controllo i valori glicemici così importanti per la salute generale del nostro fisico.

Sicché amici, fatevi forza, impegnatevi come me in un progetto per il futuro: mangiare meglio e concentrarsi sulla migliore gestione possibile del nostro diabete! 

Non abbiamo molto da fare e su quel fronte, almeno, possiamo cercare di dare il meglio!

Daje!

Scrivetemi e raccontatemi la vostra storia se vi va.
Ogni venerdì vi racconterò la mia!

Aiutaci a divulgare queste testimonianze, affinchè possano lasciare un'impronta, una traccia anche un solo piccolo segno a qualcuno là fuori che con voce silenziosa chiede sostegno e non deve sentirsi solo.

RACCONTACI LA TUA STORIA


accu-chek

Hai trovato quello che cercavi?

Se No, vuoi lasciarci un tuo commento?

RICERCA PER ARGOMENTI

Testimonianze e diabete

STORIE CORRELATE

ARCHIVIO ARTICOLI

Vai all’archivio degli articoli tutti i miei sbalzi.

VEDI ARCHIVIO