facebook


 	    
 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		

Qual è la cadenza delle visite di screening?


Malattia cardiovascolare:

È consigliabile che lo screening di base sia effettuato annualmente in  tutte le persone con diabete  a partire dalla diagnosi della malattia.  Tutte le persone con diabete, indipendentemente dal livello di rischio, devono eseguire annualmente di base:

  • esame dei polsi periferici e ricerca di soffi vascolari;
  • ECG basale;
  • determinazione dell’indice di Winsor (se normale può essere rivalutato a distanza di 3-5 anni; se <0,9 deve essere eseguito un ecodoppler degli arti inferiori).

Nefropatia diabetica

Eseguire annualmente un test per valutare l’escrezione renale di albumina ed escludere la  presenza di microalbuminuria: nei diabetici tipo 1 con durata del diabete >5 anni, in tutti i diabetici
 tipo 2 iniziando alla diagnosi di diabete e nelle donne diabetiche in gravidanza.  

La creatinina sierica dovrebbe essere misurata annualmente in tutti gli adulti con diabete indipendentemente dal grado d’escrezione urinaria di albumina. La creatinina sierica da sola non dovrebbe essere usata come misura della funzionalità renale, ma piuttosto essere utilizzata per stimare la velocità di filtrazione glomerulare per eseguire una stadiazione della malattia.

La valutazione della velocità di filtrazione glomerulare va eseguita almeno una volta l’anno nei  pazienti normoalbuminurici; più spesso (ogni 6 mesi) nei pazienti microalbuminurici o portatori di nefropatia conclamata.

 Dosaggio della albuminuria e stima del filtrato glomerulare dovrebbero essere integrati nello screening, diagnosi e monitoraggio dei soggetti con nefropatia diabetica; questo perché una quota rilevante di pazienti con diabete tipo 2 va incontro a malattia renale cronica pur rimanendo   normoalbuminurico.

Retinopatia diabetica

Pazienti con diabete tipo 1 dovrebbero avere una prima valutazione del fundus oculi in dilatazione, dopo 5 anni dalla diagnosi del diabete o alla pubertà.  

I pazienti con diabete tipo 2 dovrebbero avere una prima valutazione del fundus oculi in dilatazione, alla diagnosi di diabete.  

I successivi esami, in entrambi i tipi di diabete, dovrebbero essere ripetuti almeno ogni 2 anni.

Se  la retinopatia è presente , l’esame dovrà essere effettuato più frequentemente.  

Le donne diabetiche che pianificano una gravidanza dovrebbero essere sottoposte a un esame  completo dell’occhio ed essere informate sui rischi dello sviluppo o della progressione della retinopatia diabetica.  Le donne diabetiche in gravidanza dovrebbero essere sottoposte a un esame completo alla  conferma della gravidanza e seguite fino al parto (in assenza di lesioni, almeno ogni 3 mesi; in  presenza di retinopatia di qualsiasi gravità, a giudizio dell’oculista).

Neuropatia diabetica

Lo screening della neuropatia deve essere eseguito in tutti i diabetici tipo 2 alla diagnosi e nei diabetici tipo 1 dopo 5 anni di malattia.

Le successive valutazioni devono avere cadenza annuale.

Lo screening della polineuropatia sensitivo-motoria simmetrica distale cronica deve essere  effettuato utilizzando semplici test clinici, quali la valutazione della perdita della sensibilità  pressoria al monofilamento di 10 g e della sensibilità vibratoria mediante diapason sul dorso  dell’alluce, preferibilmente inseriti in un sistema strutturato a punteggio. 

Gli esami elettrofisiologici non sono necessari per lo screening della polineuropatia diabetica  mentre sono indispensabili per la diagnosi differenziale qualora le caratteristiche cliniche siano  atipiche.

Lo screening per la neuropatia vegetativa deve essere eseguito attraverso un’accurata anamnesi, integrata dalla ricerca dei segni clinici e dai test dei riflessi cardiovascolari, in quanto i sintomi sono aspecifici e non consentono da soli di porre diagnosi di disfunzione vegetativa e i segni sono  tardivi.

Macroangiopatia diabetica

Lo screening per l’arteriopatia periferica dovrebbe prevedere la valutazione della presenza di claudicatio, la rilevazione dei polsi tibiali e la misurazione dell’indice caviglia/braccio (ABI).




01 febbraio 2019

dottore

Elisa Cipponeri, diabetologo

Ultime risposte Diabetologo

DOMANDE FREQUENTI

Quali sono i target glicemici giornalieri?

Riguardo i target glicemici giornalieri è preferibile, qualora sia possibile impostarli senza eccessivi rischi d’ipoglicemia o altri effetti collaterali. Comunemente sarebbe auspicabile mantenere la glicemia a digiuno tra 70 e 130 mg/dl e quella...

foto

Elisa Cipponeri, diabetologo

DOMANDE FREQUENTI

Quali sono i nuovi farmaci per il diabete?

Esistono delle nuove classi di farmaci per il diabete di tipo 2 che sono subentrati nel mercato nell'ultima decada. Essi sono:1) le gliptine (o inibitori del DPP4)2) agonisti del recettore GLP13) Le glifozine (anche denominati inibitori...

foto

Elisa Cipponeri, diabetologo

Scopri la sezione per i pazienti.

Stile di vita, salute, prevenzione e medicina. Per persone con diabete e non solo.