Signore, attenzione all’eccesso di straordinari

Gli straordinari fanno più male alle donne che agli uomini: le donne in carriera che lavorano dalle 40 alle 60 ore settimanali vedono impennare il rischio di diabete, cancro, malattie cardiovascolari e artrite. Il problema non riguarda gli uomini.

Tempo libero e vacanze e diabete


08 agosto 2016

Le donne in carriera che accumulano straordinari su straordinari, mettono in pericolo la salute: a distanza di trent’anni, potrebbero veder triplicare il rischio di diabete, cancro e malattie cardiovascolari.
Gli uomini, invece, probabilmente perché meno coinvolti dai compiti domestici, sembrano addirittura guadagnare in salute se lavorano dalle 40 alle 50 ore settimanali.
Lo dimostra uno studio pubblicato sul Journal of Occupational and Environmental Medicine dall’Università dell’Ohio, negli Stati Uniti.

«Le donne, soprattutto quelle che devono destreggiarsi tra più ruoli, risentono maggiormente del lavoro troppo intenso e finiscono con il favorire una serie di malattie e disabilità», afferma il coordinatore dello studio, Allard Dembe.
I ricercatori hanno analizzato i dati relativi a 7.500 persone tra i 40 e i 50 anni seguite per oltre trent’anni dalla National Longitudinal Survey of Youth, una serie di indagini che analizzano il mondo del lavoro sotto molti punti di vista.

Mettendo in correlazione gli orari di lavoro e i problemi di salute comparsi tra i 40 e i 50 anni, è emerso che le donne che lavorano per più di 60 ore a settimana, a distanza di trent’anni vedono triplicare le probabilità di sviluppare diabete, cancro, malattie cardiovascolari e artrite: il rischio inizia a salire una volta superate le 40 ore lavorative settimanali e si impenna in maniera più decisa quando si va oltre le 50 ore.Gli uomini, invece, dopo una carriera fatta di straordinari vedono aumentare solo un po’ il rischio di artrite e non quello di altre malattie croniche: coloro che lavorano dalle 41 alle 50 ore settimanali vedono perfino ridursi il rischio di depressione, malattie cardiovascolari e respiratorie rispetto ai colleghi che lavorano fino a 40 ore.Questo primo studio si è limitato a verificare i problemi di salute comparsi intorno ai 40-50 anni, sarà utile approfondire con ulteriori ricerche quali problemi di salute compaiono anche in età più avanzata, per avere un quadro più completo degli effetti del superlavoro su qualità ed aspettativa di vita.Fonte: A Dembe et al. Journal of Occupational & Environmental Medicine. Published online June 14, 2016.

Dizionario del diabete. Per saperne di più.


Argomenti correlati