facebook


 	    

 	 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		

Sonno influisce sul controllo glicemico degli adolescenti con diabete Tipo 1

Negli adolescenti con diabete Tipo 1, la frequente variabilità delle abitudini di sonno tra la settimana “lavorativa” e il weekend influisce sul controllo glicemico. Ne risente la misurazione della glicemia decisamente meno frequente e regolare che rende il controllo più scadente.

Ogni Giorno e diabete


19 ottobre 2018

Sonno influisce sul controllo glicemico degli adolescenti con diabete Tipo 1

Un sonno costante fa bene

Le abitudini di sonno sono importanti per le persone con diabete di Tipo 1 in quanto sono spesso connesse a un più o meno regolare controllo glicemico. L’associazione tra gestione del diabete di Tipo 1 e abitudini di sonno è particolarmente sentita negli adolescenti con diabete di Tipo 1 che mostrano una maggiore variabilità nella durata del sonno tra la settimana “scolastica ” e il weekend. Proprio a causa di questo cambiamento di abitudini, gli adolescenti monitorano la glicemia meno frequentemente e hanno un’emoglobina glicata (HbA1c) più alta. Questi comportamenti andrebbero quindi modificati.

La ricerca con l'actigrafo

Lo confermano i risultati di una ricerca, pubblicata in Pediatric Diabetes: una maggiore variabilità nella durata del sonno, o le differenze tra il sonno notturno durante la settimana scolastica e il weekend, sono correlate a un autocontrollo glicemico più scadente. Lo studio ha analizzato i dati di 65 adolescenti con diabete di Tipo 1, reclutati durante gli appuntamenti clinici programmati. Adolescenti e operatori sanitari hanno ricevuto una formazione sull’uso di un actigrafo, un sensore di movimento che viene posizionato sul polso, come un orologio, che registra i movimenti del corpo e consente di effettuare una valutazione indiretta del sonno degli adolescenti che dovevano indossare l’orologio per 7 giorni. Dopo una settimana veniva loro chiesto di compilare un questionario sulla qualità del sonno (PSQI) e gli operatori sanitari provvedevano allo scarico dei glucometri. I dati sull’actigrafia hanno rivelato che i partecipanti dormivano di più nelle notti del fine settimana che nelle notti di scuola. Inoltre pochi adolescenti soddisfacevano le raccomandazioni per la durata del sonno e molti riferivano scarsa qualità del riposo notturno.

Controllo glicemico influenzato dal sonno
I risultati dello studio hanno dimostrato che benché la qualità e la quantità del sonno totale riportate non fossero significativamente associate all’aderenza all’autocontrollo o al controllo glicemico, la variabilità della durata del sonno influenza negativamente il controllo glicemico e la frequenza del monitoraggio della glicemia. Per questo gli Autori sostengono la necessità di considerare i modelli di sonno come un fattore modificabile che può influire sull’aderenza e sul controllo glicemico.

Fonte: NJ Patel et al. Pediatric Diabetes. Published online April 30, 2018.

Dizionario del diabete. Per saperne di più.


Hai trovato quello che cercavi?

Se No, vuoi lasciarci un tuo commento?

Argomenti correlati