facebook


 	    

 	 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		

USA: diminuite le diagnosi di diabete

Uno studio pubblicato sul BMJ Open Diabetes Research & Care afferma che negli ultimi anni si è verificata una significativa diminuzione nelle diagnosi di diabete negli Stati Uniti.

e diabete


16 settembre 2019

USA: diminuite le diagnosi di diabete

Meno diabete negli USA

L’incidenza del diabete negli Stati Uniti sembra stia diminuendo in maniera significativa negli ultimi anni, ad affermarlo è uno studio pubblicato su BMJ Open Diabetes Research & Care. Per 20 anni gli USA hanno avuto un’incidenza elevata di casi di diabete, mentre da 8 anni la situazione sembra abbia preso la strada della diminuzione o comunque della stabilità.


Lo studio
I ricercatori hanno utilizzato dei dati rappresentativi a livello nazionale e hanno calcolato la prevalenza e l’incidenza di diabete diagnosticato, sia di Tipo 1 che di Tipo 2, dal 1980 al 2017 in individui tra i 18 e i 79 anni. Per i primi 10 anni il tasso di prevalenza (aggiustato per l’età) è rimasto stabile al 3% circa, mentre in seguito ha subito un’impennata arrivando a circa l’8% verso la fine del 2000 rimanendo stabile fino al 2017. Così anche l’incidenza ha seguito lo stesso percorso, arrivando al 7,8 per 1000 adulti nel 2007. A differenza della prevalenza l’incidenza non è rimasta stabile, anzi è diminuita in modo significativo a 6,0 per 1000 adulti nel 2017.


Le cause
Con questa analisi non si possono definire le cause di questa diminuzione, ma si può supporre che si dovuta al cambiamento dello stile di vita del National Diabetes Prevention Program, così come a un maggiore accesso al cibo sano da parte della popolazione e a un aumento della consapevolezza e dell’educazione al diabete.


Rimangono alcuni fattori di rischio
Nonostante questo persistono grandi fattori di rischio, come l’obesità e il prediabete, il quale colpisce più di un terzo della popolazione adulta. Infatti il carico complessivo di soggetti con il diabete essendo elevato rimane da monitorare. 


Fonte: BMJ Open Diab Res Care 2019;7:e000657. doi:10.1136/bmjdrc-2019-000657

Hai trovato quello che cercavi?

Se No, vuoi lasciarci un tuo commento?