Una porzione media contiene

Kilocalorie 337
Fibra gr 4
CHO gr 42
Proteine gr 11
Lipidi gr 15

Note:
Questa pizza è preparata tradizionalmente per il pranzo della Vigilia di Natale. Costituisce un pranzo veloce e, nei tempi passati, fungeva da ‘tappabuco’ quando, indaffarati nella preparazione del cenone natalizio, non si voleva perdere ulteriore tempo in cucina. Può essere considerato un piatto unico.

Ingredienti:

  • farina 500 gr
  • scarola mondata 1,5 kg
  • acciughe salate 100 gr
  • olive nere di Gaeta 100 gr
  • capperi 50 gr
  • lievito di birra (1 tavoletta)
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 1 spicchio d’aglio
  • sale
  • pepe

Preparazione

  1. Diluite il lievito in un po’ di acqua tiepida, impastatelo insieme a un pugno di farina e lasciate lievitare il panetto per mezz’ora circa.
  2. Disponete a fontana la farina, ponetevi al centro l’impasto di lievito cresciuto, l’olio, il sale e parecchio pepe.
  3. Impastate il tutto aggiungendo acqua tiepida fino a ottenere una pasta piuttosto morbida da lavorare bene.
  4. Mettetela poi a lievitare in una terrina coperta, in un luogo tiepido.
  5. Nel frattempo lavate la scarola, dividetela a pezzi e immergetela per qualche minuto in acqua bollente. Scolatela, premendola bene con una schiumarola per fare uscire tutta l’acqua.
  6. In una padella, fate soffriggere l’aglio con l’olio, aggiungete i capperi, le olive snocciolate e la scarola. Fate insaporire il tutto a fuoco vivo per una decina di minuti.
  7. Al momento di togliere dal fuoco aggiungete le acciughe lavate, spinate e tagliate a pezzetti.
  8. Lasciate raffreddare e solo a questo punto, se necessario, aggiungete il sale.
  9. Quando la pasta sarà lievitata dividetela in due porzioni e stendetela: con una parte foderate la teglia precedentemente oliata, riempite con la scarola e quindi coprite con l’altra parte di pasta.
  10. Bucherellate con una forchetta la superficie della pizza e infornatela a fuoco medio per circa 45 minuti.

Dizionario del diabete

Lo strumento che ti guida ad individuare e conoscere i termini della patologia, per migliorare la gestione del diabete.

Associazioni italiane

Associazioni nazionali, regionali e non territoriali di persone con il diabete. Scopri le realtà più vicine a te!