Gli adulti con diabete Tipo 2 e indice di massa corporea (BMI) tra 21 e 27 kg/m2 hanno una probabilità di remissione se perdono il 10% del loro peso iniziale, hanno riferito i ricercatori al congresso European Association for the Study of Diabetes (EASD) 2022.

Il diabete Tipo 2 viene spesso considerato causato da un indice di massa corporea (BMI) più elevato ed esiste sicuramente un forte legame tra l’aumento del peso, l’aumento del BMI e l’incidenza del diabete Tipo 2, ma se si osservano i numeri circa il 15% delle nuove diagnosi di diabete Tipo 2 ha un BMI all’interno del range considerato normale.

Nel loro studio i ricercatori hanno arruolato 20 adulti con diabete Tipo 2 (età media 59 anni, 65% donne) il cui BMI era all'interno dell'intervallo corretto e che hanno subito fino a tre cicli di perdita di peso del 5% ciascuno, grazie a un regime dietetico ipocalorico da 800 calorie giornaliere tramite appositi sostituti del pasto e verdure a basso contenuto di carboidrati. Hanno poi confrontato i risultati della perdita di peso con quelli di 20 adulti senza diabete Tipo 2 abbinati per età, sesso e BMI. I partecipanti allo studio hanno mantenuto il calo ponderale per 46 settimane. Nel complesso i soggetti con diabete Tipo 2 hanno perso mediamente 7,7 kg (il 10,7% del loro peso corporeo iniziale), hanno riferito di sentirsi meglio e di essere soddisfatti del loro peso alla conclusione dello studio. I ricercatori hanno anche notato che i partecipanti sono stati in grado di mantenere la loro perdita di peso per 6-12 mesi (24,8 contro 22,4 kg/m2). La circonferenza della vita e il grasso corporeo si sono ridotti fino a raggiungere livelli normali negli uomini con diabete Tipo 2, ma sono rimasti più elevati nelle pazienti di sesso femminile rispetto ai controlli non diabetici. Il 70% dei pazienti ha raggiunto la remissione del diabete, in modo simile a quanto osservato in studi precedenti su adulti con BMI più elevato.

Gli autori hanno inoltre osservato un meccanismo alla base della remissione del diabete che coinvolge la riduzione del grasso nel fegato e nel pancreas. I livelli di grasso epatico al basale erano 2,5 volte più alti tra i soggetti con diabete Tipo 2 rispetto al gruppo di controllo abbinato, ma si riducevano a meno del 2% entro 24 settimane, come rilevato anche in studi precedenti.

FONTE: Taylor R et al. Abstract #255. Presented at: European Association for the Study of Diabetes Annual Meeting; Sept. 19-23, 2022; Stockholm (hybrid meeting).

Dizionario del diabete

Lo strumento che ti guida ad individuare e conoscere i termini della patologia, per migliorare la gestione del diabete.

Associazioni italiane

Associazioni nazionali, regionali e non territoriali di persone con il diabete. Scopri le realtà più vicine a te!