facebook


 	    
 	    
 	        
 	    
 	    
 	    
 	    









	
		
				

				
				

GIDM e diabete

Ma in relazione al diabete, come è fatta quindi l’App ideale?

Autore: Antonio Martinez-Millana, Elena Jarones, Carlos Fernandez-Llatas, Gunnar Hartvigsen, Vicente Traver.

Una delle maggiori sfide per la gestione terapeutica del diabete è legata alla fattibilità di ottenere un ingaggio duraturo e a lungo termine con i pazienti al di fuori dell’ambulatorio.

Ma in relazione al diabete, come è fatta quindi l’App ideale?

Ricorrendo alle tecniche tipiche della gamification è possibile superare queste sfide ottenendo in risposta non solo l’ingaggio del paziente con benefici legati alla terapia (monitoraggio dei parametri, rispetto della posologia, informazioni sul decorso ecc.), ma anche risvolti positivi profondi, quali soddisfazione e maggior propensione all’auto-monitoraggio e alla collaborazione nella cura.Nello specifico, possiamo classificare i benefici per il paziente secondo tre categorie: utilitaristici, edonistici e sociali.Ma in relazione al diabete, come è fatta quindi l’App ideale?È un’App in grado di offrire:• una dashboard di tool completa che possa garantire benefici strumentali all’utente in modo semplice ed efficace: data management e integrazione con le sorgenti di dati, agende e reminder, Tips&Tricks, nonché il calcolo del bolus;• motivazione e intrattenimento dell’utente, tramite interfacce ingaggianti e ricorrendo a meccanismi di storytelling adatti, ma anche utilizzando meccanismi di personalizzazione e premi;• riconoscimento e interazione tra gli attori coinvolti: interazione con medici e altri pazienti, ma anche rapporto con i caregiver e le figure familiari in grado di offrire supporto, se necessario.


accu-chek

Hai trovato quello che cercavi?

Se No, vuoi lasciarci un tuo commento?


Scopri la sezione per i pazienti.

Stile di vita, salute, prevenzione e medicina. Per persone con diabete e non solo.

Modusonline Pazienti