Secondo una ricerca pubblicata sul “British Medical Journal”, che ha coinvolto quasi 145mila infermiere statunitensi, le persone che svolgono un lavoro notturno e conducono uno stile di vita poco salutare hanno un rischio maggiore di sviluppare il diabete di Tipo 2.

È risaputo che determinate abitudini reputate “poco sane” come il fumo, la vita sedentaria, la dieta povera e poco variata e l’obesità innalzino il rischio di diabete di Tipo 2. Lo stesso sembra accadere a coloro che svolgono turni notturni nell’ambito del proprio lavoro.

Lo studio condotto negli USA ha analizzato i dati di due trial clinici, il Nurses’ Health Study (NHS) (1988-2012) e l’NHS II (1991-2013), che hanno coinvolto un totale di quasi 145mila infermiere statunitensi senza diabete di Tipo 2, malattie cardiovascolari o cancro al basale. Durante il periodo di follow-up ogni due anni venivano inviati ai partecipanti dei questionari per aggiornare le informazioni mediche e sullo stile di vita.

I turni di notte sono stati definiti come almeno tre al mese, oltre a quelli diurni e serali sempre nello stesso mese. Lo stile di vita non salutare è stato definito utilizzando quattro fattori principali: il sovrappeso (Indice di Massa corporea≥25), l’abitudine al fumo di sigaretta attivo, il praticare meno di 30 minuti di esercizio al giorno di media intensità e seguire una dieta povera e poco variegata.

Durante i 22-24 anni di follow-up, si sono verificati 10.915 casi di diabete di Tipo 2. I rapporti di rischio in relazione al diabete di Tipo 2 sono stati 1,31 per un incremento di cinque anni della durata dei turni di lavoro notturno e 2,30 per lo stile di vita non salutare. Per l’associazione dei due fattori il rapporto di rischio era di 2,83, con una significativa interazione additiva (p<0,001). Le proporzioni dell’associazione congiunta erano del 17,1% per i soli turni di lavoro notturni, del 71,2% per il solo stile di vita non salutare e dell’11,3% per l’unione dei due fattori.

Quindi, secondo i ricercatori è probabile che i turni di notte e il relativo stile di vita poco salutare condividano diversi meccanismi che contribuiscono ad aumentare il rischio di diabete di Tipo 2. Tali dati suggeriscono che in molti casi il diabete di Tipo 2 può essere prevenuto seguendo degli stili di vita salutari e, tra coloro che lavorano anche con turni notturni, ruotando maggiormente i turni dei lavoratori.

Fonte: Shan Zhilei et al. “Rotating night shift work and adherence to unhealthy lifestyle in predicting risk of type 2 diabetes: results from two large US cohorts of female nurses.”, BMJ 2018.

Dizionario del diabete

Lo strumento che ti guida ad individuare e conoscere i termini della patologia, per migliorare la gestione del diabete.

Scopri di più

Associazioni italiane

Associazioni nazionali, regionali e non territoriali di persone con il diabete. Scopri le realtà più vicine a te!

Scopri di più

Articoli correlati